Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Salute

Filaria nel Cane: sintomi, cause, rimedi

filaria-nel-cane

Sicuramente avrai già sentito parlare della filaria nel cane: questa particolare malattia si trasmette attraverso il sangue e in particolar modo dopo essere entrato in contatto con specifici tipi di zanzara.

Infatti, nel momento in cui una zanzara portatrice di microfilaria si posa sul tuo cane e va a succhiare il sangue, automaticamente deposita le larve di questo parassita nel suo sangue.

Ci vogliono circa due settimane perché avvenga una trasmissione completa e le larve impiegano all’incirca circa cinque mesi per maturare e poi riprodursi, generando dei vermi che sono in grado di arrivare fino a 30 cm di lunghezza e che possono arrivare fino a polmoni, cuore e vasi sanguigni.

Come per ogni malattia, che sia essa umana oppure canina, la chiave sta tutta nella conoscenza: se saprai che cosa causa la patologia e come individuare correttamente i sintomi potrai evitare queste spiacevoli conseguenze al tuo cane.

Ti consigliamo di leggere anche: “Miglior Antiparassitario per Cani: la Top 5 (2023)”.

Filaria nel Cane: le Cause

Iniziamo quindi spiegandoti nello specifico qual è la causa della filaria nel cane e come questa si trasmette. Abbiamo già detto che le punture di zanzare vanno a depositare le uova di un particolare parassita, il Dirofilaria immitis, chi è in grado di produrre vermi in grado di raggiungere una lunghezza fino a 32 cm.

Analizziamo quindi per un secondo il ciclo della filaria, così da poter capire come questa si trasmette e matura nel corpo del tuo cane.

Tutto inizia con una puntura di zanzara oppure di zanzara tigre. Ovviamente non tutte le zanzare sono portatrici di filaria ma noi non siamo in grado di capire al momento quale zanzara sia infetta e quale no.

Poniamo il caso quindi che sia una zanzara infetta a pungere il tuo amico peloso: Le larve della filaria iniziano già a maturare all’interno della zanzara e quando raggiungono la loro forma infestante migrano nel suo boccale.

Nel momento in cui la zanzara succhia il sangue del tuo cane deposita allo stesso tempo le larve della filaria, queste larve si muovono nei capillari e le macro filarie tendono a stabilirsi nelle arterie polmonari e nel cuore permettendo quindi la diffusione di questi parassiti dell’intero sistema sanguigno.

Le conseguenze di tutto questo sono facilmente intuibili ma ne parleremo a breve.

I fattori di rischio

Ora vogliamo rispondere a un’altra domanda che potresti porti: la filaria presenta qualche fattore ereditario? Non ci sono studi a questo proposito che dimostrino una particolare relazione di razza oppure di età, possiamo dire che i cani maschi sono maggiormente colpiti rispetto ai cani femmina.

Possiamo in ogni caso dire che si presenta una maggior incidenza di filaria nei cani che sono più abituati a vivere all’aperto, ma solamente perché sono naturalmente più esposti ai morsi delle zanzare.

In questo senso anche la zona geografica ha una sua valenza: un cane che vive in una zona particolarmente umida avrà sicuramente a che fare con un maggior numero di zanzare rispetto a un cane che vive in una zona montana o particolarmente secca.

I sintomi

Sicuramente ti sarai fatto un’idea della gravità della filaria nel cane specialmente se questa non viene trattata tempestivamente. Infatti, questi vermi presenti nel sistema sanguigno del tuo animale potrebbero anche arrivare a ucciderlo, quindi è fondamentale individuare il prima possibile i sintomi e consultare il proprio veterinario per una cura efficace.

Inizialmente non è così semplice individuare la presenza di filaria nel cane perché i sintomi faticano a manifestarsi, ma nel progredire della malattia questi iniziano ad essere sempre più evidenti quindi potrai accorgertene immediatamente.

Ecco quindi una lista dei sintomi più comuni di questa patologia:

  • Tosse persistente che peggiora con l’esercizio, come se ci fosse qualcosa a bloccare i polmoni
  • Il cane è sempre molto stanco e non ha voglia di fare esercizio, ti accorgerai quindi che è meno attivo del normale;
  • Il tuo cane non ha più appetito e inizia a perdere peso in un modo che non è sano;
  • Vista la presenza di vermi nel sistema cardiopolmonare è normale che il tuo amico peloso possa avere problemi di respirazione, causati dalla presenza di liquido nei polmoni;
  • Una eventuale insufficienza cardiaca potrebbe causare anche un accumulo di liquido nell’addome e quindi generare un addome gonfio.

Come sempre ci teniamo a farti notare che i sintomi sopra elencati non sono sintomi esclusivi della filaria nel cane quindi potrebbero anche essere segno di una patologia differente. Per questo motivo, in cui tu dovessi verificare uno o più di uno di questi sintomi è sempre consigliabile consultare il proprio veterinario così che possa eseguire una diagnosi accurata e stabilire la presenza o meno di questo parassita nel tuo amico peloso.

Per darti comunque un’indicazione di base devi tenere in conto che questa malattia impiega molto tempo a manifestarsi perché le larve impiegano all’incirca sei mesi per maturare quindi potrai escludere la presenza di filaria nei cuccioli che hanno un’età inferiore ai 6 mesi.

Diagnosi e Cura

Come ormai avrai capito la primissima cosa da fare nel momento in cui ti accorgi della presenza di alcuni sintomi e portare il tuo amico a quattro zampe dal veterinario per capire se effettivamente è presente la filaria nel cane usa il problema è un altro.

Non attendere, portalo immediatamente ai primi segni della malattia.

Tramite diverse tipologie di esami il veterinario può individuare la presenza di parassiti nel tuo cane e quindi prescrivere una cura.

Ovviamente il trattamento della filaria nel cane avviene attraverso l’utilizzo di farmaci in pastiglie, utilizzando quindi trattamenti che comunque possono essere rischiosi, quindi dovrai concentrarti molto sulla terapia ma ancora di più sulla prevenzione.

Terapia

Come dice il detto ” prevenire è meglio che curare” e, nel caso della filaria nel cane questo deve diventare più che un modo di dire, deve diventare uno stile di vita per impedire al tuo cane di soffrire di insufficienza cardiaca.

Fortunatamente esistono davvero tanti rimedi che permettono di prevenire la presenza di filaria, semplicemente diminuendo l’esposizione del cane alle punture di zanzare. Potresti evitare di portarlo in zone particolarmente umide oppure utilizzare spray repellenti e installare zanzariere nella tua abitazione.

Le migliori tariffe per i nostri lettori. Risparmio Assicurato

Per tutti i lettori di Dog.it le migliori tariffe per viaggi vacanza o viaggi di affari

 

Leggi anche:

Etichette alimentari nel pet food: cosa indicano quelle sui cibi per animali?

Giuseppina Russo

Cane anoressico: ecco le possibili risposte al rifiuto del cibo

Giuseppina Russo

Scarpette per cani: ce n’è davvero bisogno?

Giuseppina Russo

Macchie da lacrimazione nel cane: cosa le provoca e come si interviene

Giuseppina Russo

Ernia del disco nel cane: come riconoscerla e cosa fare

Giuseppina Russo

Musica per cani: meglio il liscio o il rock?

Giuseppina Russo