Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Storie

Manda il cane a tartufi col collare elettrico, lo beccano i Forestali

A scoprire che quel cane da tartufo veniva maltrattato con scariche elettriche inflitte attraverso il collare che portava indosso sono stati i carabinieri forestali. Il cane è stato liberato, e il suo proprietario si è beccato una denuncia per maltrattmenti.

I fatti si sono svolgi a Frosolone, in Molise. I militari stavano eseguendo dei controlli per contrastare la raccolta abusiva di tartufo bianco a Valle dei Santi quando si sono imbattuti nel povero cane. Hanno immediatamente notato che indossava quello strumento di tortura il cui utilizzo è vietato per legge.

Hanno quindi liberato il cane e segnalato il cercatore – per altro fuori norma anche sotto il profilo della raccolta dei tartufi – all’autorità giudiziaria per detenzione del cane in condizioni incompatibili con la propria natura, produttive di gravi sofferenze. Il codice penale all’articolo 727 comma 2 in questo senso parla chiaro, e adesso l’uomo rischia l’arresto fino a un anno.

Il cane bene non sta, e a spiegarlo è il Gruppo Carabinieri Forestali di Isernia. L’utilizzo del collare elettrico è vietato perché invasivo e doloroso, andando ad incidere sull’integrità psicofisica del cane. Il collare è dotato di elettrodi a diretto contatto con la pelle del cane, che all’altezza della gola è sensibilissima. La scarica si aziona a distanza per condizionare il comportamento del cane, e in lui provoca paura, stati ansiosi e gravi sofferenze.

 

Ti è stata utile questa lettura?

 
Le opinioni dei nostri lettori sono importanti per noi. Se hai ritenuto interessante questa lettura, ti invitiamo a darci un voto semplicemente cliccando sulle stelle che seguono.
 
4.50 / 5 (10 voti)

Leggi anche:

Non resiste senza il suo amichetto, cane va a ‘spiarlo’ dalle finestre di scuola

Monica Nocciolini

Due giorni ostaggio di un branco di cinghiali, cucciola salvata dai passanti volontari

Monica Nocciolini

Il cane pastore per anni rinchiuso nel terrazzo: denunciati padre e figlio

Monica Nocciolini

Affida il cane a un conoscente per accudirlo e lui l’abbandona. Dopo 5 anni il lieto fine

Monica Nocciolini

Per Rasa e Mantas nuova vita in Thailandia in aiuto dei cani randagi. In memoria del boxer Aibo

Monica Nocciolini

Introvabile per 43 giorni, cane sopravvive in un silos

Monica Nocciolini
error: © copyright dog.it