Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Cura Salute

Il coronavirus nel cane

coronavirus nel cane

Il coronavirus proveniente dalla Cina fa tremare tutto il mondo, anche perché il contagio non avviene solo da uomo a uomo, ma può interessare pure gli animali domestici: vediamo le caratteristiche del virus nel cane…

Il coronavirus nel cane e le similitudini con la SARS

Il coronavirus è una malattia contagiosa che presenta tratti di similitudine con la SARS, virus sviluppatosi anni fa sempre in Cina, la cui trasmissione originaria fu imputabile proprio ad un animale che infettò l’essere umano.

All’epoca si trattò di un pipistrello, che contagiando gli animali domestici, finì col diffondere il virus tra gli uomini.

Oggi giorno invece pare che la fonte dell’infezione sia un serpente presente nel mercato della città da cui è partita l’epidemia, cioè Wahan.

Ancora una volta il primo veicolo della malattia sono stati cani e gatti, e in successione l’uomo.

E anche in questo caso ad essere interessate sono primariamente le vie aeree, infatti i sintomi sono simili a quelli di una polmonite.

Coronavirus: sintomi nel cane e nel gatto

Ma quali sono i sintomi che il Coronavirus provoca nel cane e nel gatto?

Il Coronavirus nel cane colpisce principalmente l’intestino tenue, presentandosi come una malattia gastrointestinale contagiosa, i cui sintomi comprendono:

  • Diarrea
  • Febbre alta
  • Vomito
  • Inappetenza.

Se la diagnosi non è tempestiva possono insorgere complicazioni, oltre al rischio di contagio di altri animali domestici.

Anche nel gatto il Coronavirus si presenta come gastroenterite, presentandosi in due forme differenti:

  • FECV: Coronavirus enterico felino, non virulento
  • FIPV: Peritonite infettiva felina, che può risultare letale, coinvolgendo tutti gli organi del felino, e manifestandosi con Febbre, Gonfiore addominale, Letargia, Feci molli e sanguinolente (sintomi generici che impediscono spesso una diagnosi tempestiva).

Trasmissione del Coronavirus nel cane e nel gatto

La contaminazione avviene tramite le feci degli animali, per cui uno degli accorgimenti che si possono adottare è di prestare particolare attenzione affinché durante le passeggiate Fido non lecchi o annusi le deiezioni di altri animali.

Per salvaguardare il micio dalla trasmissione, invece, è necessario prestare particolare attenzione alle lettiere: se avete in casa più di un felino è bene che ognuno abbia la propria lettiera.

Si tratta di accorgimenti importanti, in considerazione del fatto che il Coronavirus si trasmette da animale ad uomo, trattandosi di un virus che si adatta ed evolve rapidamente a seconda dell’organismo che contagia.

 

Ti è stata utile questa lettura?

 
Le opinioni dei nostri lettori sono importanti per noi. Se hai ritenuto interessante questa lettura, ti invitiamo a darci un voto semplicemente cliccando sulle stelle che seguono.
 
3.09 / 5 (23 voti)

Leggi anche:

Il cane le ‘sbrana’ il passaporto, lei si salva dall’epidemia cinese

Monica Nocciolini

Coronavirus, la psicosi che uccide. In Cina cani giù dalle finestre, è strage

Monica Nocciolini

Coronavirus, appello di Monica Pais (veterinaria più amata d’Italia): “Non abbandonate i vostri cani!”

dogitpanel

Emergenza coronavirus: si può portare il cane a spasso?

Giuseppina Russo

Lo disinfettano con la candeggina, gattino muore intossicato

Monica Nocciolini