Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers

Storie

Macabro ritrovamento di un cane seviziato e ucciso, non si esclude alcuna ipotesi

Non si esclude nemmeno la pista del rito satanico, nelle indagini avviate dopo il macabro ritrovamento di un cane sgozzato e poi bruciato a nord di Avezzano, in provincia de L’Aquila, all’interno di un insediamento comunale ancora in fase di ultimazione, in particolare nella struttura dove è prevista la sede del nuovo municipio. A scoprirlo è stata la polizia municipale.

Gli agenti stanno cercando adesso di risalire ai responsabili e quella del rito satanico è tra le ipotesi più accreditate. Gli autori rischiano l’accusa per violazione di proprietà privata e maltrattamento di animali. La struttura è in costruzione da diversi anni, e attualmente è in stato di abbandono. Ostaggio di contenziosi e oggetto di un’inchiesta, si è in attesa che i lavori vengano sbloccati.

A condannare la vicenda è intanto il consigliere comunale di maggioranza Nello Simonelli che su Facebook scrive: “Onestamente, non so se quanto avvenuto e denunciato nel ‘nuovo municipio’ sia un rito satanico. Sta di certo che si tratta di un qualcosa di immondo, di indegno, di indecoroso per qualsiasi società civile. L’uccisione ed il rogo di un povero animale per motivi abietti, qualsiasi fosse il fine da perseguire, è male in sé e per sé, senza alcun bisogno dell’esoterismo”.

Onestamente, non so se quanto avvenuto e denunciato oggi nel "nuovo municipio" sia un rito satanico.Sta di certo che…

Pubblicato da Nello Simonelli su Giovedì 18 marzo 2021

Leggi anche:

Pedalando incontra un cane pelle e ossa, se ne vanno insieme in bici

Monica Nocciolini

Trova un cucciolo per strada e lo porta a casa con sè, ma la sua vicina di casa si dispera

dogitpanel

Il cane Tuto fugge dallo stallo per tornare alla vecchia casa. Non sa che il suo anziano proprietario non tornerà più

Monica Nocciolini

“Cerchiamo il nostro cane smarrito, offriamo come ricompensa un euro”, il tenero appello di due sorelline

dogitpanel

Gli regalano una piscina per fare il bagnetto, ma lui preferisce continuare a lavarsi nel suo amato secchio

dogitpanel

Abbandonato, maltrattato, offeso, umiliato. E poi salvato, il cane Charlie rifiorisce

Monica Nocciolini