Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Storie

Juve non deve morire. Cane di quartiere segnalato come randagio è finito in canile, e ora rifiuta il cibo

Chi ha segnalato quel cane apparentemente vagante per le strade di Veglie, nel leccese, di certo l’ha fatto in buona fede. Non sapeva che Juve, 16 anni, non era un cane randagio ma semplicemente un cane libero. Un cane di quartiere accudito dalla comunità che adesso lo rivuole indietro.

Sì perché dopo la segnalazione da parte di un turista alle autorità, Juve – un pelosone bianco e nero – è stato accalappiato ed è finito in canile a Copertino. E qui lo stress della reclusione lo ha stroncato al punto che ha smesso di mangiare. Pare proprio che intenda lasciarsi morire.

I cittadini vegliesi si sono mobilitati e hanno coinvolto nell’appello alla libertà per Juve anche la Lega Nazionale per la Difesa del Cane (Lndc) Animal Protection. L’associazione ha già attivato il suo legale nonché responsabile diritti animali. “Ha scritto una lettera al Commissario Prefettizio del Comune di Veglie e al Servizio Veterinario dell’Asl locale – illustra una nota – per chiedere l’immediato rilascio del cane”.

“Sia la Legge Regionale sia il Regolamento Comunale – specifica il comunicato – prevedono la figura del cane di quartiere e la reintroduzione sul territorio di appartenenza per i cani non pericolosi. Non si capisce quindi il motivo per cui Juve è stato accalappiato. In 16 anni non ha mai creato problemi né è mai stato oggetto di denunce o segnalazioni per comportamenti aggressivi”.

Leggi anche:

Cane legato a un albero in campagna, solo e denutrito. Denunciato il proprietario

Monica Nocciolini

Penelope cane eroe: sventa una rapina e tiene al sicuro le bimbe di casa

Monica Nocciolini

La storia di Buzu, il cane randagio derubato del suo cuscino preferito 

dogitpanel

Con la tanica da dieci litri legata al collo, la giustizia rende conto al cane

Monica Nocciolini

Cane eroe salva intera famiglia da fuga di gas: “Ha salvato la vita ai miei figli. Gli sarò eternamente grata!”

Monica Nocciolini

 “Non volevo che morisse”. Donna lascia il suo cane chiuso in macchina e trascorre la giornata in piscina

dogitpanel