Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Notizie

C’era una volta il licaone, il cane d’Africa abbaia da 2 milioni di anni fa

C’era una volta il licaone, 2 milioni di anni fa. La nuova scoperta arriva da Dmanisi, nel Caucaso meridionale, in Georgia, uno dei siti preistorici più importanti a livello mondiale. E’ frutto di una ricerca coordinata da Saverio Bartolini Lucenti dell’università di Firenze che per la prima volta descrive i resti di un canide fossile di grandi dimensioni attribuito alla specie “ipercarnivora” Canis (Xenocyon) lycaonoides, ritrovati in associazione a resti umani.

Si tratta dell’antenato dell’attuale cane africano chiamato licaone, la specie africana Lycaon pictus. Le evidenze fossili testimoniano anche un comportamento sociale della specie animale. Era l’alba della domesticazione. I resti attestano lo spiccato senso del gruppo e del reciproco aiuto nel cane della notte dei tempi, persino maggiore di quello rilevato tra i lupi grigi.

La prova? La malformazione nel cranio adulto rinvenuto. La dentatura riassorbita e la malformazione ossea al muso e alla mandibola rendono possibile la sopravvivenza dell’esemplare fino all’età adulta solo in caso di sostegno altruistico da parte di altri membri del branco.

 

Ti è stata utile questa lettura?

 
Le opinioni dei nostri lettori sono importanti per noi. Se hai ritenuto interessante questa lettura, ti invitiamo a darci un voto semplicemente cliccando sulle stelle che seguono.
 
0 / 5 (0 voti)

Leggi anche:

Con l’ascia per liberare il cane agonizzante chiuso in auto

Monica Nocciolini

Se il canile è un lager, il sequestro salva 444 cani

Monica Nocciolini

“Quel pascolo è mio”. E gli ammazza il cane a fucilate

Monica Nocciolini

Ha l’esame all’università, lascia due ore il cane in auto. Denunciato

Monica Nocciolini

Impennata nel traffico clandestino di cuccioli. Sequestrati in 115

Monica Nocciolini

Piccole unità cinofile crescono. Il soccorso alpino si fa le zampe sull’Asiago

Monica Nocciolini
error: © copyright dog.it