Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Storie

Una vita legati al buio, con la catena attaccata al muro. Denunciato il proprietario di 4 cani


Trascorrevano le loro giornate rinchiusi al buio, legati a una catena corta fissata al muro dello spazio in cui erano tenuti, in condizioni igieniche raccapriccianti. Così le guardie zoofile dell’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa) di Napoli hanno trovato 4 poveri cani, liberandoli immediatamente e portandoli così in salvo.

I cani, tre femmine e un maschio, erano di fatto reclusi in strutture fatiscenti e senza cibo né acqua. L’operazione di soccorso e salvataggio è avvenuta in presenza di una pattuglia di agenti della polizia municipale. Il proprietario delle bestiole è stato denunciato per maltrattamento di animali e per abbandono. Adesso spetta al pubblico ministero autorizzare per loro la procedura di affido da parte di famiglie che possano dare loro serenità e affetto.

Le guardie zoofile li hanno individuati grazie a una segnalazione. I cani erano tenuti in zone diverse. La femmina, di taglia grande, legata in cortile. Il maschietto di taglia piccola in un garage al buio, col pelo indurito dall’incuria e dal sudicio. Altri due maschietti erano anche loro legati in un ambiente buio. Grave la femmina, un simil pastore tedesco, che zoppica da una zampa e ha gli occhi infiammati.

Le migliori tariffe per i nostri lettori. Risparmio Assicurato

Per tutti i lettori di Dog.it le migliori tariffe per viaggi vacanza o viaggi di affari

 

Leggi anche:

La storia di Marley, il cane nato cieco adottato da Carlotta e Marco: “Saremo i suoi occhi”

Michele Urbano

Infermiera apre ospizio per cani anziani: le foto sono commoventi

aggiornamenti

Cagnolina paralizzata rivede dopo sei mesi il suo umano, di ritorno da una missione militare e va in visibilio

Michele Urbano

Da Cani abbandonati nei canili a cani poliziotto, ecco l’iniziativa del carcere di Quarto d’Asti

Michele Urbano

Scivola sull’orlo del precipizio, cane soccorso a 1.500 metri di quota

Monica Nocciolini

Spazzola, abbandonata con un biglietto accanto a sè. «Ci ha rotto il divano, non possiamo più tenerla»

Michele Urbano