Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Storie

Un mese soli in casa senza cibo né acqua, il cane finisce per mangiare il gatto. Proprietaria in carcere

Abbandonati da soli in casa senza cibo per settimane, il cane finì per mangiare il gatto. Ora il tribunale di Rennes, in Francia, ha condannato la proprietaria di quei poveri animali a un mese di reclusione più il divieto a tenere altri pet per cinque anni. Si tratta di una donna di 25 anni in condizione di fragilità dopo la perdita del lavoro. Bollette e debiti si accumulavano, e lei è fuggita da casa lasciando chiusi dentro, senza né cibo né acqua, il suo bulldog francese Marley e il gatto.

Proprio i gemiti dell’agonia di Marley hanno spinto, nel settembre 2019, due vicini ad allertare la gendarmeria francese. Una volta sul posto, oltre quella porta c’era un inferno. Aria irrespirabile. Una lettiera per gatti senza però più il gatto, escrementi ovunque e un cane smunto accasciato sul divano. Niente cibo. Frigo reso inaccessibile da una sedia. Solo un filino d’acqua a sgorgare piano piano da un rubinetto. Questo ha tenuto in vita il cagnolino che però, allo stremo, aveva finito per divorare il gatto.

L’orrore

Dopo lo sconcerto, i gendarmi hanno condotto il cane dal veterinario. Dai rilievi si è scoperto che era stato proprio Marley ad aprire, con la forza della disperazione, il rubinetto dell’acqua. Quello stato di tremendo abbandono si sarebbe protratto per oltre un mese. Purtroppo, alla fine, il cane si è ridotto a divorare il suo compagno di sempre: il gatto. Ciò nonostante il bulldog è risultato tra gli 8 e i 10 chili sottopeso rispetto allo standard.

La proprietaria si è presentata alla sbarra in lacrime, l’11 marzo 2020. Per lei il magistrato ha chiesto tre mesi di prigione. Il giudice ha sentenziato per 1 mese di carcere con pena accessoria di divieto a detenere animali per i prossimi 5 anni.

Marley si sta riprendendo piano piano, affidato a un rifugio e ai servizi veterinari. Si spera che presto sia in condizione di poter essere adottato da una famiglia che lo tratti con amore e rispetto come tutti i cani, e tutti gli animali, meritano.

 

 

Ti è stata utile questa lettura?

 
Le opinioni dei nostri lettori sono importanti per noi. Se hai ritenuto interessante questa lettura, ti invitiamo a darci un voto semplicemente cliccando sulle stelle che seguono.
 
4.34 / 5 (29 voti)

Leggi anche:

Il grande Totò definì così i nostri amici cani: “A metà tra angeli e bambini”. La sua prima poesia per il barboncino Dik

Monica Nocciolini

Il cane Donnie dal rifugio ad una nuova vita, ora è un genio del 3D

Monica Nocciolini

Cuccioli malmenati dal proprietario, i volontari entrano nella casa degli orrori

Monica Nocciolini

Cane segue il suo umano in ambulanza poi lo attende tre giorni fuori dall’ospedale

Monica Nocciolini

Manda il cane a tartufi col collare elettrico, lo beccano i Forestali

Monica Nocciolini

Franca Valeri e il suo amore per i cani, la figlia: “Non fiori ma donazioni al suo rifugio”

Monica Nocciolini