Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Storie

Trova un cane abbandonato nel bosco ma da sola non riesce a aiutarlo. E scatta la staffetta solidale

Sole, vista fantastica, natura rigogliosa: quella domenica era tutto ciò che Olivia desiderava mentre percorreva il sentiero di trekking del Sasso Scritto, la Roche Ecrite nell’omonima riserva naturale francese. D’improvviso, lui: un povero cane stremato e ferito, non in grado di camminare, accasciato lungo il sentiero. Olivia voleva a tutti i costi aiutarlo, ma il quattro zampe andava portato in braccio e i suoi 25 chili di peso erano impossibili per lei da sostenere nelle due ore e mezzo di marcia sul viottolo scosceso e fangoso che la separavano dalla civiltà e, più che altro, dalla sua auto.

Olivia era disperata. Il suo cuore era straziato mentre riguadagnava la via del ritorno dovendo a malincuore lasciare lì quel cane in difficoltà e allo stremo delle forze. Poi l’idea di contattare l’associazione Rpa di Saint-Gilles per chiedere aiuto. E i soccorsi sono arrivati. In molti si sono offerti per recarsi a prendere il cane. Prima Jp, uno degli attivisti dell’associazione. Anche lui, però, da solo non ce la faceva. Gli si sono quindi aggiunti altri due volontari, Hydia e suo marito.

La donna, intanto, era rimasta all’imbocco del sentiero in attesa ripromettendosi di adottare il cane trovatello qualora fossero riusciti a trarlo in salvo. E’ stato un piccolo miracolo. Mogio, dolorante e smagrito il cane si è lasciato avvicinare. I volontari gli hanno fatto scivolare sotto al corpicino un telo che è servito a mo’ di barella per trasportare il quattro zampe lungo il cammino. Sono arrivati alla strada con le braccia distrutte, ma dopo tre ore di fatica ce l’hanno fatta e hanno consegnato il cane a una clinica veterinaria per un controllo completo.

Identificarlo è stato impossibile, poiché il cane era privo di microchip. La sua età presunta è intorno ai 6 anni. I veterinari lo hanno sottoposto a flebo per reidratarlo e gli hanno somministrato anti-infiammatori per ridurre i dolori dovuti all’artrosi e a una displasia dell’anca che si pensa di ridurre chirurgicamente. Tra qualche tempo. Ora c’è da fargli recuperare le forze. Intanto ha un nome: Simba.

?Mise A jour du Post : le Loulou a été retrouvé par Jp Hydia et son mari après 2h30 de marche difficile on leur souhaite…

Pubblicato da Association RPA su Lunedì 22 febbraio 2021

Leggi anche:

Ritrova in rifugio il cane perduto anni prima

Monica Nocciolini

La storia di Max, il cane anziano adottato ed abbandonato 48 ore dopo legato ad una ringhiera

dogitpanel

Perdere un cane è doloroso quanto perdere una persona cara. Le struggenti parole di Enrest Montague al suo adorato pitbull

dogitpanel

Pandora, chiusa in una scatola e spedita in un rifugio oggi è finalmente felice 

dogitpanel

Tre cani generosi: il poliziotto ferito in servizio e i donatori di sangue che lo salvano

Monica Nocciolini

Il cane aveva rinunciato a lottare, lo trovano buttato in una pozzanghera fangosa

Monica Nocciolini