Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Storie

Siccome il cane anziano non ce la fa più a cacciare, lui lo lascia a morire di stenti e il tribunale lo condanna

Si chiamava Zeus ed era un cane di razza breton di 10 anni. Dopo una vita a servizio del suo proprietario cacciatore e della sua attività venatoria, non ce la faceva più a rincorrere prede per chilometri. E allora quell’uomo non ha trovato di meglio che abbandonarlo a morire di stenti, mangiato vivo dalle zecche, nido incolpevole di parassiti di ogni genere, malato di filaria, senza più nulla.

A processo, l’ex cacciatore è stato condannato a 6 mesi di carcere. La sentenza è storica e a darne notizia erano stati gli operatori di Lndc Apuania che quel cagnolino lo avevano trovato e si erano poi battuti in suo nome a partire dalla denuncia dei fatti. Sì perché il povero breton è morto, alla fine.

“Il giudice – commenta l’avvocato Michele Pezone per Lndc – ha applicato l’articolo 544 bis del codice penale. La condotta dell’ex cacciatore ha fatto mancare le cure e l’assistenza necessarie per la sopravvivenza del cane. L’animale è morto almeno con dignità, tra le braccia dei volontari Lndc che lo avevano avuto in affidamento dopo il sequestro da parte dell’autorità giudiziaria”.

Amaramente soddisfatto per la vicenda processuale era stato il presidente della Lndc Apuania, Roberto Guelfi. “Zeus ha vissuto in un recinto fatiscente, una gabbia per uccelli, legato alla catena, esposto alle intemperie. La sentenza – commentò all’indomani del pronunciamento, nel 2016 – apre la strada ad una giurisprudenza attenta ai diritti degli animali, che punisce col carcere chi abbandona fino alla morte il proprio fedele compagno”.

 

Ti è stata utile questa lettura?

 
Le opinioni dei nostri lettori sono importanti per noi. Se hai ritenuto interessante questa lettura, ti invitiamo a darci un voto semplicemente cliccando sulle stelle che seguono.
 
4.09 / 5 (11 voti)

Leggi anche:

Il cane ha tre zampe ma non lui non lo sa. E’ Garpez: “Disabile a chi?”

Monica Nocciolini

Neonata abbandonata come spazzatura, la salva il cane Pui

Monica Nocciolini

Rame e Zinco di nome, nasi d’oro di fatto: due segugi ritrovano il bimbo autistico perso nel bosco

Monica Nocciolini

Il cane è anziano, lo abbandona legato a un cancello con letterina al collo: “Non ho fatto il bravo”

Monica Nocciolini

Il grande Totò definì così i nostri amici cani: “A metà tra angeli e bambini”. La sua prima poesia per il barboncino Dik

Monica Nocciolini

Il cane si avvicina al recinto delle pecore, il vicino lo fredda a fucilate

Monica Nocciolini
error: © copyright dog.it