Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Storie

Cuccioli malmenati dal proprietario, i volontari entrano nella casa degli orrori

Si sono introdotti nell’abitazione privata dell’aguzzino di due cuccioli pur di salvarli, mettendo a rischio la loro stessa fedina penale per sottrarre i cagnolini ai maltrattamenti. E’ accaduto a Toledo, in Spagna, e i protagonisti umani sono i volontari dell’associazione LetsAdoptEspana. Quelli con la coda, invece, sono due cagnolini malnutriti. Piangevano la loro sofferenza abbaiando, e allora giù botte.

L’associazione aveva ricevuto varie segnalazioni, ma l’ultima era arrivata proprio durante uno degli episodi. Gli operatori si sono dunque precipitati, assistendo in presa diretta da fuori dell’abitazione alle urla, alle minacce, ai pestaggi. Hanno provato a trattare da fuori, ma l’uomo non sentiva ragioni mentre i cuccioli piangevano. I volontari sono entrati.

I due cagnolini sono stati immediatamente prelevati dalla squadra di soccorso e portati al sicuro, nutriti e curati dopo gli accertamenti clinici del caso. Sono un maschietto, Johnny, e una femminuccia, Carla. Appena si saranno ristabiliti da tutte le sevizie patite, per loro si cercherà una buona e felice adozione.

 

Ti è stata utile questa lettura?

 
Le opinioni dei nostri lettori sono importanti per noi. Se hai ritenuto interessante questa lettura, ti invitiamo a darci un voto semplicemente cliccando sulle stelle che seguono.
 
3.65 / 5 (26 voti)

Leggi anche:

Salvata da un incidente ecco Layla, il cane che sorride

Monica Nocciolini

Disperato appello per il suo cane scomparso: “Mi manca tanto, Spero di avere la fortuna di rituffare i miei occhi nei suoi”

Monica Nocciolini

Il cane Maya dalla catena in poi. Ha vissuto due anni legata a un calorifero

Monica Nocciolini

Il cane da caccia e la volpe, Maddy e Rosie migliori amici

Monica Nocciolini

Thunder il gigante buono che ha paura dei cani di piccola taglia

dogitpanel

Il cane è anziano, sordo, cieco: se ne sbarazzano buttandolo nel cassonetto

Monica Nocciolini