Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Storie

Nelle fogne sotto Los Angeles trovati due barboncini: vivevano lì randagi al buio


santevet

No, i tecnici non si sarebbero mai aspettati – una volta scesi nelle fogne sotto Los Angeles – di imbattersi in due esserini che vivevano proprio laggiù nei cunicoli umidi, fetidi e bui. E invece sì. Lì c’erano due cani, due barboncini che parevano non aver mai visto anima viva tanto si sono spaventati all’arrivo di quegli esseri umani.

I tecnici hanno immediatamente chiesto soccorso per loro, e sul posto è intervenuta l’associazione Hope for Paws. I cagnolini vivevano in condizioni davvero estreme, e la loro enorme diffidenza ha reso il salvataggio difficilissimo. Gli operatori hanno dovuto dar fondo alle riserve di delicatezza e tenerezza oltre che a tanti bocconcini per far capire ai cani che non c’era alcun pericolo.

Una volta recuperati, i due barboncini sono stati condotti all’esterno e poi nel rifugio dell’organizzazione. Dopo una bella pulita e tanta pappa, sono stati sottoposti alle cure veterinarie necessarie per loro. Li hanno chiamati Cola e Pepsi. Il video del loro salvataggio è diventato presto virale sui social, scatenando una valanga di solidarietà. Per i piccini ormai fuori dalla fogna si apre la via di un’adozione amorevole in famiglia.


Iscriviti alla Newsletter di Dog.it per restare sempre aggiornato sul mondo del cane: storie, appelli, richieste di adozione, nuovi prodotti pet e offerte riservate ai nostri lettori!

Leggi anche:

Cane intrappolato per quattro giorni nel fiume sull’isolotto ghiacciato

Monica Nocciolini

Cane anziano ha una nuova famiglia, ma non si rassegna ancora di aver cambiato casa 

dogitpanel

La storia di Emmental, il cane che non vuole nessuno: “Perchè nessuno mi vuole?”

dogitpanel

Cagnolina sorride dopo aver capito di essere stata salvata da un destino crudele

aggiornamenti

Lui l’adotta in canile e lei gli salva la vita chiamando il pronto soccorso

Giuseppina Russo

Trascinano il cane legato all’automobile. La corda si spezza

Monica Nocciolini