Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Storie

Mamma cane randagia trova chi la sfama, così conduce la donna fino ai suoi cuccioli


Quando ha incontrato una mano buona che la nutriva, lei povero cane randagio, una volta capito di potersi fidare ha voluto svelare a quella donna generosa il suo segreto. Quel cane, quella cagnolina, era mamma. E ha condotto la sua nuova amica dai suoi cuccioli appena nati, in esplicita richiesta di aiuto.

E’ accaduto in Thailandia, a Nakhon Pathom, e la donna ha girato un video col telefonino mentre seguiva la quattro zampe, immortalando la sorpresa di quel grappolo di cagnolini neonati nascosti tra i boschi, nel folto, al riparo. Quando la signora aveva iniziato a dare del cibo alla cagnolina non immaginava che ci fossero da qualche parte anche dei piccini. Semplicemente l’aveva incontrata così, randagia e abbandonata, e si era proposta di aiutarla.

L’ipotesi è che la cagnetta sia stata abbandonata perché incinta, e poi si sia rifugiata a partorire in una zona impervia per tenere più possibile al sicuro i cagnolini. Erano minuscoli e fino a quel momento si erano sostentati di latte materno. Per quella famigliola c’era da costruire un futuro. La donna non si è persa d’animo: quando si aiuta, lo si fa a modino. Così ha preso mamma e piccoli e ha portato tutti in salvo.

Le migliori tariffe per i nostri lettori. Risparmio Assicurato

Per tutti i lettori di Dog.it le migliori tariffe per viaggi vacanza o viaggi di affari

 

Leggi anche:

Morde al collo il suo umano: ma il perché vi lascerà senza fiato

aggiornamenti

Il cane è scomparso da tre mesi, quando lo ritrovano piange di gioia

Monica Nocciolini

Nirvana e Aura, cani evanescenti. Galgos trovati per strada ridotti pelle e ossa

Monica Nocciolini

Il cane Elen scappa di casa e finisce nel fiume

Monica Nocciolini

Il cane Tuto fugge dallo stallo per tornare alla vecchia casa. Non sa che il suo anziano proprietario non tornerà più

Monica Nocciolini

La storia di Gulliver, il cagnolino che si veste elegante per farsi adottare. 

Michele Urbano