Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Storie

La cagnolina Laika sola nello spazio. Il lancio senza ritorno il 3 novembre 1957

Tra le 5 e le 7 ore. Non sopravvisse oltre, la cagnolina Laika, allo spavento e agli sbalzi di temperatura generati dal lancio nello spazio a bordo della capsula Sputnik 2. Era il 3 novembre 1957, ma i veri risultati degli studi sul suo decesso sono stati resi noti solo nell’ottobre 2002 dallo scienziato Dmitrij Malashenkov. Fino ad allora, la versione ufficiale era che la cagnetta fosse sopravvissuta diversi giorni. I sensori di monitoraggio dei suoi segnali vitali, però, a quanto pare avevano registrato altro.

Laika era un cane meticcio di circa 3 anni. L’avevano trovata randagia per le vie di Mosca e il suo vero nome era Kudrjavka, “Ricciolina”.  La capsula Sputnik su cui decollò portava cibo e acqua, ma quel viaggio iniziato alle 2.30 del mattino di quel 3 novembre dal Cosmodromo di Bajkonur non prevedeva rientro. La sorte della quattro zampe, insomma, era segnata fin dall’inizio.

Laika fu solo il primo degli animali mandati nello spazio per testare la capacità di sopravvivenza di una creatura fuori dall’ambiente terrestre. Dopo di lei altri cani furono lanciati a bordo di satelliti. Tra loro, il 20 agosto 1960 tocco alle cagnoline Belka e Strelka che furono le prime a rientrare a terra sane e salve dalla loro missione spaziale a bordo dello Sputnik 5.

 

Ti è stata utile questa lettura?

 
Le opinioni dei nostri lettori sono importanti per noi. Se hai ritenuto interessante questa lettura, ti invitiamo a darci un voto semplicemente cliccando sulle stelle che seguono.
 
0 / 5 (0 voti)

Leggi anche:

Lui l’adotta in canile, lei gli salva la vita chiamando con il telefono il pronto soccorso

Giuseppina Russo

Franca Valeri e il suo amore per i cani, la figlia: “Non fiori ma donazioni al suo rifugio”

Monica Nocciolini

Grande, grosso e tenerone: per Brutus il cane missione babysitter

Monica Nocciolini

Obbligato a mangiare peperoncino piccante, il cane obbedisce piangendo

Monica Nocciolini

Il bimbo cade in piscina, il cane Bear si lancia in acqua e lo salva

Monica Nocciolini

“Il mio nome dev’essere NO, il mio mondo è in 1 metro di catena e se dico bau mi picchiano”: storia di Marley

Monica Nocciolini