Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Storie

Il cane Donnie dal rifugio ad una nuova vita, ora è un genio del 3D

In fila per tre col resto di due: di qua le scimmiette, di là le rane, i kong… tutto il set dei suoi 80 balocchini pronto ad essere quotidianamente tradotto in combinazioni geometriche degne di capolavori di grafica 3D. E’ la specializzazione di Donnie, un Doberman Pinscher salvato da un rifugio del Maryland quando ormai era già grandicello.

Nessuno, fino a quel momento, si era lasciato aprire il cuore da quel cane dall’apparenza schiva e introversa. Come imprigionato in una bolla, si mostrava poco incline alle affettuosità e alle passeggiate festose.

Una volta nella sua nuova casa, Donnie non aveva nessuna idea di come interagire con la sua umana. Pareva, anzi, non averne voglia. Non imparava, non si lasciava neppure incrociare lo sguardo… Poi un giorno, solo in cortile, iniziò a disegnare coi suoi pupazzi, componendo figure da fare invidia a un geometra provetto.

A scoprire il talento del cane furono le telecamere di videosorveglianza. La proprietaria di Donnie notava quelle composizioni e le osservava come fossero cerchi nel grano. Scorrendo i nastri delle registrazioni, poi, la tenera rivelazione.

E anche il riscatto di Donnie! Altro che cane senza qualità, lui era un autentico savant a quattro zampe. Del suo caso si è occupato addirittura il National Geographic Channel’s Dog Genius, mentre la docente dell’Università del Michigan Barbara Smuts, comportamentalista, ne ha studiata la fase di composizione. La ricercatrice è arrivata a concludere che, negli anni di isolamento nel rifugio, Donnie aveva maturato un suo modo di gratificarsi e spiegarsi la realtà che ricostruiva poi attraverso le sue figure.

Arrivò anche il giorno in cui Donnie lasciò scoppiare la sua bolla-prigione, consentendo alla sua proprietaria di abbracciarlo. Il pomeriggio di quella prima volta, Donnie in cortile posizionò un grande orso di peluche con un braccio attorno al pupazzo più piccolo di una ranocchietta.

 

Ti è stata utile questa lettura?

 
Le opinioni dei nostri lettori sono importanti per noi. Se hai ritenuto interessante questa lettura, ti invitiamo a darci un voto semplicemente cliccando sulle stelle che seguono.
 
3 / 5 (2 voti)

Leggi anche:

Nel nome di Hachiko: in Giappone l’8 marzo si celebra la fedeltà del cane

Monica Nocciolini

Mosley, il cane dal muso storto: la sua commovente adozione

redazione

Dopo 5 anni alla catena, cane pazzo di gioia per la sua prima volta sulla neve e al mare

Monica Nocciolini

Si perde, cane nuota e cammina 29 chilometri per tornare a casa

Monica Nocciolini

Ecco una nuova casa per il pitbull oggetto di maltrattamenti

Monica Nocciolini

I coniugi si separano ed il cane finisce per strada. La triste storia di Zeno

Monica Nocciolini