Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Storie

Dream, la cagnolina sfigurata dai petardi bisognosa di amore e di cure 

storie di cani

Questa è la storia di Dream, una dolcissima cagnolona residente a Partanna, in provincia di Trapani.

Tutto è successo quando qualcuno le ha lanciato un petardo addosso, sfigurandola completamente.

All’inizio, purtroppo, nessuno le ha offerto sostegno, restando per diversi giorni sola e impaurita. Successivamente, l’associazione siciliana “Felici nella coda onlus” è stata allertata e ha tratto in salvo la povera cagnolona, la quale ha dovuto subire un intervento d’urgenza per riparare i danni causati dal petardo e dalle infezioni che le ferite le avevano causato.

Le orecchie erano mutilate, le sopracciglia bruciate e il suo corpo era completamente ridotto pelle e ossa.

E’ stato grazie ad una raccolta fondi che Dream ha potuto operarsi in una clinica di Palermo, anche se avrà bisogno di moltissimi altri interventi di chirurgia maxillo-facciale per ricostruire parte del suo volto.

Oltre ad essere curata, Dream ha il sogno di essere adottata, anche se chi ha intenzione di farlo deve tenere ben presente che si tratta di una cagnolina traumatizzata, quindi dovrà fare in modo che riceva le cure e le attenzioni del caso.

Per informazioni su Dream: 349.4697079

 

Le migliori tariffe per i nostri lettori. Risparmio Assicurato

Per tutti i lettori di Dog.it le migliori tariffe per viaggi vacanza o viaggi di affari

 

Leggi anche:

La storia di Juji, il cagnolone gigante più famoso del web 

dogitpanel

Cuccioli di panda in mostra in Cina. “La scena più tenera che io abbia mai visto”

dogitpanel

Trovato con un filo legato attorno alla bocca è stato sedato per potergli salvare la vita

aggiornamenti

Il cane randagio porta l’amico a pranzo al ristorante che lo sfama sempre

Monica Nocciolini

Uomo si reca in un rifugio e adotta 45 cani. Li porta a casa e costruisce un’area gioco per loro 

dogitpanel

Piccolo cagnolino trovato per la strada riesce a sopravvivere grazie le cure della sua umana

Stefania Di Carlo