Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Storie

Devono pagarlo per salvarlo: la sua vita vale solo 30 $


Una creatura innocente, stretta in una morsa di catene e sofferenza. Questo povero cagnolino non ci spera nemmeno più nell’essere salvato. Ridotto ad un mucchio di ossa ormai si è abbandonato a se stesso.

“lo abbiamo trovato solo pelle e ossa, incapace di muoversi a causa della catena”.

Questo quello che riportano i soccorritori al loro arrivo sul posto. Ma la sconvolgente sorpresa non si esaurisce qui: ai soccorritori vengono chiesti 30$ per salvarlo, il prezzo che il proprietario aveva pagato per lui al suo acquisto, quando glielo avevano spacciato per un cagnolino di razza e alla moda.

Oggetti: ecco come vengono considerati i cani da molte persone a questo mondo. Semplici oggetti da collezione per arricchire un outfit alla moda. Ci sono ancora troppe persone che acquistano animali, anziché adottarli al canile o al gattile, convinti che la razza sia discriminante di bellezza e valore.

Senza troppe discussioni, una ragazza gentile ha pagato il proprietario ed è stato possibile portare via il cagnolino, finalmente in un posto al sicuro. Ora il piccolo ha recuperato le forze e si trova in un centro per le cure. Attende di essere adottato. Alan è oggi il suo nome.

Le migliori tariffe per i nostri lettori. Risparmio Assicurato

Per tutti i lettori di Dog.it le migliori tariffe per viaggi vacanza o viaggi di affari

 

Leggi anche:

Attraversa a piedi l’autostrada per salvare “Patricio” e poi lo adotta. Incredibile storia di sensibilità e amore

Stefania Di Carlo

Cane ferito piange e non riesce a fermarsi.

aggiornamenti

Quest’uomo adotta un Alano che dopo nemmeno 24 ore lo salva da morte certa. L’incredibile storia di Peanut e il suo umano

aggiornamenti

Mamma scopre il suo cane dormire vicino alla sua bimba nella culla 

Michele Urbano

Il cane pugnalato 7 volte dal suo umano trova rifugio sotto un’auto in coda nel traffico

Monica Nocciolini

Luna, il cane che ha trovato i dispersi nell’esplosione di Ravanusa

Michele Urbano