Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Storie

Dart dal divano al canile, la famiglia lo lascia dopo cinque anni


“Il momento in cui un cane arriva in canile accompagnato dal padrone e viene chiuso in un box credo sia un momento indescrivibile. E’ l’esatto momento in cui nei suoi occhi leggi la parola fine“. Si apre così il post con cui Marta Godi, volontaria al canile Valle Grande di Roma, presenta per l’adozione il cane Dart. No: lo presenta per la ri-adozione.

Sì perché il povero amstaff di cinque anni è una rinuncia di proprietà. Chi lo aveva adottato da cucciolo lo ha cioè riportato in canile dopo tutto questo tempo. Arrivava da Palermo, Dart. Lo avevano trovato piccino e malato vagane per strada. Una famiglia di Roma lo aveva voluto e preso con sé a gennaio 2016. E poi niente: lo ha riportato in canile. Forse perché è positivo alla leishmaniosi? Chissà!

“Arrivato in canile dopo un primo periodo di smarrimento, grazie alle attenzioni e al lavoro degli educatori e alle super coccole dei volontari – recita il post – ha deciso di darsi una seconda possibilità“. Nel cuore di un cane, la fiducia non crolla mai.

Il momento in cui un cane arriva in canile accompagnato dal padrone e viene chiuso in un box credo sia un momento…

Pubblicato da Marta Godi su Domenica 22 novembre 2020

Le migliori tariffe per i nostri lettori. Risparmio Assicurato

Per tutti i lettori di Dog.it le migliori tariffe per viaggi vacanza o viaggi di affari

 

Leggi anche:

Cani del rifugio diventano inseparabili: o adottate entrambi o nessuno

Michele Urbano

Millie senza più muso, da cane maltrattato a star del web

Monica Nocciolini

Uomo porta il suo cane al parco e lo spinge sull’altalena come fosse un bambino 

Michele Urbano

Amore a prima vista tra la nonnina ed il San Bernardo: “Mi ha restituito la gioia di vivere”

Michele Urbano

Cane soccorritore scova una scatola di gattini abbandonati. “Grazie a lui sono sani e salvi”

Michele Urbano

Come aiutare cani randagi: due storie dalla Bolivia

Giuseppina Russo