Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Storie

Combattenti i cani non ci nascono, ci diventano. Ma c’è il progetto per recuperarli

Combattenti i cani non ci nascono, ci diventano a suon di violenze, torture psicofisiche, somministrazione di droghe. Hanno attorno a sé persone che li scatenano contro loro simili dopo isolamento, deprivazioni, diete rigidissime. Per loro da ormai 18 anni Enpa porta avanti un progetto di recupero e rieducazione chiamato Mai più Ring. Sono pochi i cani che riescono a uscire vivi dall’inferno dei combattimenti clandestini, ma chi ce la fa ha una chance di tornare a una vita normale.

Ora Enpa lancia per questi cani fortunati nella loro disgrazia. L’obiettivo è procurare adozione a distanza per sostenere la riabilitazione di Bianca, Bred, Bully, Shrek, Kino, Penny, Sandro e gli altri cani ex combattenti in recupero, attualmente 16. Per l’adozione vera e propria serve ancora del tempo, ma intanto stanno imparando la fiducia.

Ad oggi l’Enpa ha rieducato e trovato una famiglia adatta a 40 ex combattenti. La presidente nazionale dell’Ente Carla Rocchi ricorda che in Italia “i combattimenti fra cani sono illegali”, e “chiunque promuove, organizza o dirige combattimenti o competizioni non autorizzate tra animali che possono metterne in pericolo l’integrità fisica è punito con la reclusione da uno a tre anni e con la multa da 50.000 a 160.000 euro. Purtroppo però questa pratica barbara è ancora presente e legata ai loschi affari delle mafie”.

Brad con LuisaPennyPersiaSandro
 

Ti è stata utile questa lettura?

 
Le opinioni dei nostri lettori sono importanti per noi. Se hai ritenuto interessante questa lettura, ti invitiamo a darci un voto semplicemente cliccando sulle stelle che seguono.
 
4 / 5 (1 voti)