Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Storie

Bimbo costruisce ruote col Lego per il cane senza zampe

Le non-zampe sono due, le ruote tonde e i mattoncini di Lego spigolosi: davvero non semplice, la sfida d’amore che il 12enne Dylan ha ingaggiato per aiutare la sua cagnolina Gracie a camminare pur se priva delle zampe anteriori.

Ebbene, il bambino ce l’ha fatta e adesso Gracie scorrazza felice col suo coloratissimo ausilio di Lego. E’ un’autentica sediolina a rotelle, quella creata – prova e riprova – dal piccolo Dylan per la sua cagnolina, adottata da cucciola dalla sua famiglia nel rifugio gestito proprio da loro.

Non era il primo cane disabile, per la famiglia. Per questo erano certi di poterla accudire nel migliore dei modi. Certo, l’opzione Dylan non era stata messa in conto. E invece ecco quell’amore tra cani e bambini che muove le montagne, a cominciare dai mucchi di mattoncini alla rinfusa.

Dylan ha studiato il problema e ha iniziato a smontare e montare. Difficile, perché nel frattempo Gracie cresceva e cambiava misura. Ma il Lego è un’ottima soluzione anche per quello: una volta capito il meccanismo progettuale, adeguarla ai cambiamenti della cagnolina è un attimo. Un gioco da ragazzi, come ragazzo è Dylan.

Manco a dirlo, l’impresa è stata celebrata attraverso i social anche con una pagina Facebook dedicata. Adesso sono tutti felici: il bambino che può correre con la sua Gracie, e la cucciolotta che può muoversi spensierata in piena autonomia. Regali del cuore.

 

Leggi anche:

Mamma cane implora i soccorsi per salvare il suo cucciolo: ecco il video

dogitpanel

Cooper, abbandonato perchè disabile, oggi riesce ad essere di nuovo felice

dogitpanel

Cagnolino lasciato chiuso in una scatola di cartone sull’autostrada

dogitpanel

Muore nella tormenta, i cani sul suo petto proteggono il corpo dalla neve

Monica Nocciolini

Thomas, lo yorkhire col sorriso a 32 denti… finti!

Monica Nocciolini

Nel canale legato a un tronco, cane salvato per un soffio. E il proprietario ora rischia il processo

Monica Nocciolini