Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Storie

“Al collo una catena talmente corta che non potevo neppure muovere la testa”. La triste storia di Cala

storie di cani

La storia che vi raccontiamo oggi riguarda Cala, un cane da guardia di un meccanico di San Jose, in Costa Rica, che ha sofferto tanto per essere stata legata per troppo tempo ad una catena molto corta, anzi talmente corta da non riuscire a muovere nemmeno la testa e a respirare bene.

Fortunatamente, è stata salvata e portata nel Territorio di Zaguates, un rifugio per animali, dove piano piano si è lentamente ripresa. Tuttavia, le cose si sono purtroppo complicate quando qualcuno ha cercato di intrufolarsi nel rifugio per dare da mangiare ai cani salsicce avvelenate.

A causa di ciò, molti cani sono morti e Cala, attualmente, soffre di problemi neurologici. Per anni Cala si era trovata in un totale stato di miseria, tanto che non poteva appoggiare la testa e nemmeno respirare.

La cosa importante, però, è che oggi abbia trovato una famiglia che le vuole bene, e che le ha insegnato a ritrovare fiducia nell’umanità. All’inizio non è stato semplice, non riusciva a fidarsi degli esseri umani così come dei cani, ma i volontari hanno fatto il possibile per esaltare le sue potenzialità.

Oggi Cala ha una nuova vita, la vita più bella che possa avere.

Credits: justsomething.com

Le migliori tariffe per i nostri lettori. Risparmio Assicurato

Per tutti i lettori di Dog.it le migliori tariffe per viaggi vacanza o viaggi di affari

 

Leggi anche:

Mammolo, due mesi e mezzo e otto chili di dolcezza. “Ti prego, adottami”

Michele Urbano

Gli occhi supplicanti di un povero cane legato alla catena vi strapperanno una lacrima

aggiornamenti

Chiude fuori il cane nella notte gelata, poi chiama la polizia per denunciarlo: “Abbaia!”

Monica Nocciolini

Bimbo costruisce ruote col Lego per il cane senza zampe

Monica Nocciolini

Dopo anni di maltrattamento riceve il suo primo bagno rigenerante: la reazione è epica

aggiornamenti

Chiede di sopprimere la sua cagnolina perchè malata. In realtà il suo scopo è un altro. 

Michele Urbano