Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers

Storie

Abbandonano il cane disabile a faccia in giù per terra e coi suoi pannolini

Hanno abbandonato il cane disabile per terra a faccia in giù come un misero cencio, con un carrellino malfermo alle zampe posteriori e – accanto – i suoi pannolini per l’incontinenza. Per finire di devastarne la dignità, l’hanno legato a un’inferriata. Accanto, un biglietto con nome ed età. Il cane si chiamava Lunita, era una femminuccia, e in quel mattino del maggio 2014 qualcuno l’aveva mollata così fuori dal negozio di un parrucchiere a Salta, in Argentina.

La proprietaria del salone, trovandola in quello stato, ha chiesto soccorso ai volontari dell’associazione animalista Luba Salta, che sono accorsi subito. La condizione della cagnolina era davvero critica. Non potendosi muovere, aveva riempito il pannolino ed era fradicia della sua urina. Gli operatori l’hanno immediatamente sollevata da terra e portata in rifugio.

Gli accertamenti veterinari non hanno potuto che confermarlo: la salute di Lunita era compromessa. Sottopeso a causa di un’infezione alle vie urinarie, infestata da parassiti, semiparalizzata. La storia del cane raccontata sui social ha fatto però breccia nel cuore di una famiglia americana, che l’ha adottata accogliendola in casa. Lì l’amore e le cure adeguate hanno pian piano rimesso in sesto la cagnetta che si è poi spenta a 11 anni, pochi giorni dopo aver festeggiato il suo compleanno circondata dai suoi cari e, finalmente, felice e gioiosa.

Leggi anche:

Il suo umano sta per abbandonarlo in canile, il cane lo scongiura di non lasciarlo

Monica Nocciolini

Salva il cane dalla strada, lui lo aiuta a guarire dal cancro

Monica Nocciolini

Come un cane in chiesa? Anche no: sacerdote invita a portare i pet a messa

Monica Nocciolini

“Aiutatemi a ritrovare Pallina”, l’appello di Bocelli per il suo cane smarrito mobilita il web

Monica Nocciolini

Strappata all’eutanasia all’ultimo minuto, dolce Stella in cerca di amore

Monica Nocciolini

Cucciolo verso l’eutanasia. Poi, quella codina…

Monica Nocciolini