Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Notizie

Allarme polpette avvelenate, fenomeno in aumento in era covid

In Italia 10 cani ogni 1.000 esemplari finiscono avvelenati. E il coronavirus ha prodotto una recrudescenza di odio sociale verso i proprietari di animali, cani in particolare. Lo attestano i dati, che segnano un’espansione del fenomeno.

Durante il lockdown i proprietari di cani sono stati spesso additati come possibili untori per la loro possibilità di uscire per portare a passeggio il quattro zampe. Non solo: in molti hanno amplificato la rabbia altrui lasciandosi andare – al riparo dagli sguardi – a comportamenti incivili come la mancata raccolta dei bisogni di Fido.

Il mix rischia di diventare esplosivo, e soprattutto letale per i poveri cani. L’allerta è massima e i nuclei cinofili antiveleno sono chiamati sempre più spesso a entrare in azione. I dati consolidati, intanto, si arrestano al 2019 e già da prima dell’emergenza pandemica disegnavano il quadro di intolleranza crescente verso i cani.

Tra il 2016 e il 2019 i casi di avvelenamento registrati sono balzati da 23.500 a 80.000. Se in Italia si stimano circa 7 milioni di cani, gli esperti calcolano che 10 di loro ogni 1.000 rimangano vittima di avvelenamento. Tra questi, nel 2018 circa un terzo ha perso la vita. Ancora, i cani rappresentano il 9% del totale della fauna avvelenata.

Leggi anche:

Vendi il cane e scappa, sventata truffa online

Monica Nocciolini

Taglia coda e orecchie al cane, condannato a otto mesi di carcere

Monica Nocciolini

Il traffico di New York si ferma per salvare un cane spaventato

Monica Nocciolini

In Cina stop al passeggio col cane nello Yunnan. Al terzo sgarro scatta la soppressione

Monica Nocciolini

A La Spezia alleanza del cuore per i cani dei clochard

Monica Nocciolini

Impennata nel traffico clandestino di cuccioli. Sequestrati in 115

Monica Nocciolini