Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Alimentazione

Gelato per cani sì o no?!

Con il caldo torrido che stiamo vivendo non siamo particolarmente attratti dall’idea di un pasto caldo o pesante.

In aiuto ci viene un buon gelato, che, se scelto con criterio, può anche rappresentare (sporadicamente) un pasto sostitutivo.

E i nostri amici a quattrozampe restano a guardarci?

La risposta è un po’ articolata, e ve la argomentiamo in questo articolo dedicato al gelato per cani

Gelato per cani: ricetta per la versione handmade

Non esiste divieto in tal senso, a patto di rispettare delle regole:

  1. nel caso del cane il gelato va inteso come un piccolo premio e non un’alimentazione alternativa
  2. va offerto in piccole quantità che comunque vanno computate nel conto delle calorie giornaliere (specie per i cani obesi)
  3. il gelato non va lasciato all’animale ma tenuto dall’umano, coì da essere consumato con la lentezza necessaria ad evitare danni allo stomaco.

Tant’è vero che esistono diverse ricette per realizzare delle versioni handmade, adatte anche al consumo umano.

Che tra l’altro non necessitano di gelatiera, e richiedono pochi strumenti basilari:

  • bastoncini di legno (piatti e senzapunte)
  • bicchierini di plastica lisci o stampi per ghiaccioli.
  • Gelato alla vaniglia e banana

2 vasetti di yogurt alla vaniglia

1 banana

2 cucchiaini di miele

  • Gelato alla mela

2 vasetti di yogurt alla mela

1 mela cotta

2 cucchiaini di miele

  • Gelato alla carota

2 vasetti di yogurt alla mela

1 carota lessa

2 cucchiaini di miele

  • Gelato ai piselli

2 vasetti di yogurt alla mela

3 cucchiai di pisellini cotti a vapore

2 cucchiaini di miele

  • Gelato al formaggio

2 vasetti di yogurt al naturale

4 cucchiai di formaggio grattugiato

mezza pera matura.

In tutte queste versioni il procedimento è molto semplice, giacché basta frullare tutto insieme e mettere negli stampi a congelare.

Esistono poi varianti ancora più insolite, ma assai godibili per Fido:

  • Gelato alla carne

1 vasetto di brodo di verdure

1 vasetto di omogenizzato di carne (pollo, coniglio)

1 vasetto di riso soffiato

  • Gelato al pesce

1 vasetto di brodo di verdure

1 vasetto di omogenizzato di pesce o una scatoletta di tonno al naturale

1 vasetto di riso soffiato.

In questi due casi bisogna mescolare gli ingredienti, lasciare rinvenire il riso e poi frullare di nuovo e mettere negli stampi a congelare.

Tuttavia anche il cane diabetico può essere “coccolato” con un gelato ad hoc:

  • Gelato ipocalorico alla frutta

2 vasetti di polpa di frutta frullata a scelta fra: mela, pera, melone, anguria, ananas

1 vasetto di riso soffiato.

Anche in questo caso è necessario mescolare frutta e riso, lasciare rinvenire il riso e poi frullare di nuovo e mettere negli stampi a congelare.

Qualora il vostro cane fosse sensibile ai latticini e al lattosio, è possibile sostituire lo yogurt con uno specifico, con prodotti vegetali (ad esempio soya o riso), oppure con della semplice acqua (versione ghiacciolo).

Sottolineiamo che le quantità indicate di miele e lo zucchero contenuto nei normali yogurt non è tale da indurre problemi, a meno di cani diabetici (si può comunque decidere di omettere qualsiasi dolcificazione)…

L’ingrediente che invece non va mai utilizzato è il cioccolato (o il cacao), poiché tossico per Fido.

L’industria del gelato per cani

Come detto realizzare di piccoli gelati in casa per Fido è un modo per gratificarlo, rinfrescarlo, e magari per convincere anche i piccoli a consumare qualcosa di più salutare di un gelato confezionato.

Ed eccoci arrivati ad una questione: il gelato, quello “industriale” per intenderci, è cosa buona e giusta per Fido?

Se ci si riferisce a quelli per uso umano la risposta è un categorico NO.

Il gelato per umani NON può essere consumato dal cane.

Troppo carico di zuccheri, conservanti, coloranti.

C’è poi la questione del gelato “industriale” per cani.

Che diventa un pò più complessa.

Ad esempio, negli Stati Uniti la Ben & Jerry’s, una famosa azienda dolciaria, ha deciso di commercializzare una linea di gelati tutta dedicata ai nostri amici quadrupedi, ma prodotti con gli stessi ingredienti per noi umani.

I produttori assicurano di essersi affidati a veterinari esperti nutrizionisti per creare un prodotto capace di soddisfare i gusti dei nostri amici a quattro zampe senza metterne a repentaglio peso e salute.

Certo la stessa casa produttrice invita i padroni a fare attenzione alle dosi, iniziando con non più di un cucchiaio al giorno e di fare in modo che il cane non lo mangi troppo rapidamente (?!).

Allora qualche dubbio sorge…

E qualche domanda nasce…

Se per un essere umano, con le debite attenzioni, un gelato è un momento importante di distensione e gusto, un alimento energetico, ma non eccessivamente grasso che può risollevare pressione e morale in giornate calde e difficili, per il cane cos’è?

Sarà che tendiamo ad estendere al cane un piacere NOSTRO?

Piacere che tra l’altro, per Fido, può diventare parecchio rischioso?

La verità forse è un’altra: negli Stati Uniti gli animali domestici sono un mercato sempre più vasto e ricco, con il comparto dedicato al consumo di cibi per animali aumentato al 40%.

Diverse multinazionali infatti hanno ben pensato di investire in marchi dedicati agli animali (per esempio la Nestlé acquistò sagacemente Purina già nel lontano 2001).

Le aziende che producono cibo per animali fanno leva sulle emozioni e i bisogni profondi dei padroni per massimizzare vendite e ricavi: per questo le scatolette per gatti sono al gusto salmone e paté e non topo e lucertola!

E così, negli Stati Uniti dove i gelati (e non solo) sono venerati come divinità, hanno ben pensato di aprire anche questo fronte, facendo leva sulla NOSTRA debolezza.

Meglio invece premiare aziende specializzate nei prodotti di animali, che si concentrino sulle loro esigenze, sulla qualità degli ingredienti e dei nutrienti e sulla sostenibilità del prodotto (in tutte le fasi di produzione, distribuzione e consumo).

Così si tutela il benessere del cane e del suo ambiente… mentre invece il gelato per cani possiamo preparalo noi in casa una tantum!

 

Ti è stata utile questa lettura?

 
Le opinioni dei nostri lettori sono importanti per noi. Se hai ritenuto interessante questa lettura, ti invitiamo a darci un voto semplicemente cliccando sulle stelle che seguono.
 
5 / 5 (1 voti)
error: © copyright dog.it