Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Storie

Sordo e quasi cieco, 17 anni, il cane Max ritrova la bimba perduta nel bosco. Ed è subito eroe


Sordo e quasi cieco, 17 anni suonati, il cane Max ha saputo salvare la sua piccola amica Aurora perduta nei boschi. E’ accaduto nel Queensland, area rurale nel nord dell’Australia. Della bambina, 3 anni appena, si erano perse le tracce da quasi dieci ore. Il buio tendeva i suoi tentacoli e lei era là, persa nel  bosco dove si era addentrata come Cappuccetto Rosso.

Sulle sue tracce, però, al posto del lupo cattivo c’era un cane buono. Si trattava del cane di famiglia, il pastore Blue Heeler, o Australian Cattle Dog, di nome Max. Anziano, duro d’orecchie e poca vista, aveva seguito le tracce della bimba a fiuto e all’insaputa sia dei genitori di Aurora – preoccupatissimi – sia dei soccorritori.

Ebbene: Max la sua bambina adorata l’aveva saputa raggiungere e nel freddo della notte era rimasto lì a scaldarla e confortarla, proteggendola e rasserenandola. Fino alle prime luci dell’alba quando le ricerche sono riprese e Max ha cercato aiuto.

E’ stata la nonna di Aurora a sentire la voce della bambina. Poi ha visto Max che l’ha raggiunta evidentemente sempre a lume di naso, conducendola dove si trovava la piccola. L’impresa ha regalato a Max il podio da cane eroe, con tanto di riconoscimento arrivato via facebook niente meno che da parte del Queensland Police Service che gli ha conferito addirittura una medaglia.

Pubblicato da Queensland Police Service su Venerdì 20 aprile 2018

 

Le migliori tariffe per i nostri lettori. Risparmio Assicurato

Per tutti i lettori di Dog.it le migliori tariffe per viaggi vacanza o viaggi di affari

 

Leggi anche:

Giallo a Ferrara, il cane Leo muore avvelenato nel canile comunale

Monica Nocciolini

Ucraina: cane attende da mesi la sua mamma umana fuori la porta di casa, ma non sa che lei è morta

Michele Urbano

“Dai piccolo non temere, qualcuno verrà a salvarci”. Mamma cane conforta il suo piccolo sulla strada

aggiornamenti

“Lo volevamo perchè non tutti hanno un dogo argentino di razza”. Ma poi lo abbandonano in strada, incapaci di gestirlo

Michele Urbano

Gli regalano una piscina per fare il bagnetto, ma lui preferisce continuare a lavarsi nel suo amato secchio

Michele Urbano

Golden Retriever consola il suo fratellino umano che si dispera

Stefania Di Carlo