Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Storie

Cucciolo a vita, la storia del cane nano Ranger


Il cane Ranger è un cane pastore tedesco. Imponente proprio no, però. Il tenero quattro zampe è infatti affetto da nanismo, e così rimarrà cucciolo a vita. Per lo meno nelle sembianze. Grazie a dei proprietari amorevoli e responsabili, Ranger conduce una vita normale e gioiosa. La condivide con altri due cani pastori tedeschi, loro di altezza normale, ma quello famoso è lui che ha anche un profilo Instagram dedicato in cui le sue foto sono tempestate di like.

Le buffe espressioni non traggano in inganno, perché quella di Ranger è una malattia. Inizialmente i suoi familiari avevano pensato che la mancata crescita fosse dovuta a un parassita, e invece no: si trattava proprio di nanismo causato dalla carenza di ormoni della crescita.

Il pastore tedesco in miniatura soffre di disturbi collaterali dovuti alla sua malattia primaria, come la perdita del pelo ad esempio. E’ poi esposto e particolarmente suscettibile alle patologie della tiroide. Le cure costanti e amorevoli però gli consentono un’esistenza ricca di soddisfazioni. Da vera e propria star del web, le competenze da cane adulto nel corpicino di un cucciolo gli hanno aperto una via luminosa sui set di fior di campagne pubblicitarie.

Crediti foto: ranger_thegshepherd – Instagram

Le migliori tariffe per i nostri lettori. Risparmio Assicurato

Per tutti i lettori di Dog.it le migliori tariffe per viaggi vacanza o viaggi di affari

 

Leggi anche:

In Pakistan la strage dei cani randagi, uccisione di massa per 25.000

Monica Nocciolini

Ciotola per due: il gatto e la volpe cenano insieme a lume di luna

Monica Nocciolini

Storie di cani abbandonati: Fragolina si lascia morire di dolore

Giuseppina Russo

“C’è qualcuno per me?” Cane prima di essere soppresso guarda fuori dalla gabbia ignaro di quello che sta per succedergli

aggiornamenti

Il suo umano l’abbandona. Cagnolina piange disperata per 9 giorni

Michele Urbano

Una tata cane perfetta: ogni notte controlla che i “suoi bambini” dormano tranquilli 

Michele Urbano