Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Storie

Randagio e malato porge una zampa agli umani per chiedere aiuto


Era in condizioni davvero terribili questo cucciolone in Romania. Trovato nelle campagne da due ragazzi, porgeva la zampa per farsi aiutare, ma non si muoveva più di tanto da tera. Vicino a lui un altro cane, una femmina, probabilmente l’unica amica che il cucciolone aveva.

Porgeva la zampa, ma non si muoveva da quel luogo arido e pieno di sofferenza perché non voleva lasciare lì l’altro cane: una storia di amicizia che va oltre quello che gli umani possono comprendere. Si tratta di fedeltà, l’arte in cui i cani sono più bravi. Gli umani hanno capito subito che senza la sua amica, il cucciolo non si sarebbe mosso da lì. 

Era però troppo malandato per non intervenire, così i due ragazzi lo hanno caricato in macchina per portarlo da un veterinario. Le cure che gli sono state date, sono servite a curare una brutta malattia della pelle che aveva fatto cadere il pelo del cane. Ora si trova in rifugio ed è pronto all’adozione.

Aiutare un cane randagio è un dovere: lasciarli su strada significa lasciarli a morte certa, soprattutto quando sono visibilmente malati ed in cerca di aiuto. Per questo se noti un cane in queste condizioni, puoi avvisare associazioni come Enpa. 

Le migliori tariffe per i nostri lettori. Risparmio Assicurato

Per tutti i lettori di Dog.it le migliori tariffe per viaggi vacanza o viaggi di affari

 

Leggi anche:

Cane si incastra con la zampa nella tagliola, un dito amputato

Monica Nocciolini

Senzatetto vuole cambiare vita. Percorre 3000 km in biciletta ma non rinuncia a portare con sè i suoi cani 

Michele Urbano

Scava a mani nude per salvare la cagnolina incinta

Monica Nocciolini

Dona sciarpa e giubbino per coprirlo dal freddo, lo scatto fa il giro del web

Michele Urbano

Tre cani abbandonati in una cantina, due sopravvivono costretti col compagno morto

Monica Nocciolini

Sblocca il suo collo con una manovra. Cane non smette di ringraziare chi lo ha salvato 

Michele Urbano