Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Storie

“Mai più come Lea”, la Giornata contro la malsanità veterinaria


Una segugia mite, tenera. Roberto Marchi l’aveva ‘ereditata’ dal suo papà. Un regalo meraviglioso, ha sempre affermato lui. Lea però è malata. Insufficienza renale preterminale, è la diagnosi che non le lascia scampo emessa da due veterinari.

Ma c’è un terzo medico che non concorda, e che attribuisce le sofferenze della cagnolina a un’infezione uterina. Andrebbe asportato l’utero, secondo lui. Marchi si fida. Dinanzi a una chance di salvare Lea, tenta il tutto per tutto. L’intervento chirurgico è lungo. Due giorni dopo, Lea muore.

Il signor Marchi non si dà pace. Possibile? Chiede quindi di fare l’autopsia sul corpicino martoriato della segugia, e da lì si rilevano incongruenze rispetto alla cartella clinica. Tra le giustificazioni accampate dal professionista e le perplessità del proprietario, ecco che inizia un contenzioso legale.

Soprattutto, però, nel nome di Lea inizia una campagna contro la malasanità veterinaria. Che esiste, proprio come per gli umani, ma è meno conosciuta. Dal 2012, quando Lea se n’è andata, nell’anniversario della sua morte – il 4 febbraio – si celebra la Giornata contro la malasanità veterinaria. Perché non ricapiti. “Mai più come Lea”, è il motto della giornata.

Le migliori tariffe per i nostri lettori. Risparmio Assicurato

Per tutti i lettori di Dog.it le migliori tariffe per viaggi vacanza o viaggi di affari

 

Leggi anche:

Questa cagnolina è stata recuperata sotto un ponte in Grecia. Viveva nella spazzatura

Stefania Di Carlo

Cagnolino trovato legato ad un albero: salvataggio estremo

Michele Urbano

“Questo è il mio cucciolo”. Piccola barboncina presenta il suo figlioletto al suo papà umano

Michele Urbano

Quando capisce che lo lasciano in canile, il cane non smette di piangere

Monica Nocciolini

Sordo e quasi cieco, 17 anni, il cane Max ritrova la bimba perduta nel bosco. Ed è subito eroe

Monica Nocciolini

Cane si getta in mare per seguire il suo amico incontrato in vacanza. “Ti prego, portami con te”

Michele Urbano