Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Storie

“Mai più come Lea”, la Giornata contro la malsanità veterinaria

Una segugia mite, tenera. Roberto Marchi l’aveva ‘ereditata’ dal suo papà. Un regalo meraviglioso, ha sempre affermato lui. Lea però è malata. Insufficienza renale preterminale, è la diagnosi che non le lascia scampo emessa da due veterinari.

Ma c’è un terzo medico che non concorda, e che attribuisce le sofferenze della cagnolina a un’infezione uterina. Andrebbe asportato l’utero, secondo lui. Marchi si fida. Dinanzi a una chance di salvare Lea, tenta il tutto per tutto. L’intervento chirurgico è lungo. Due giorni dopo, Lea muore.

Il signor Marchi non si dà pace. Possibile? Chiede quindi di fare l’autopsia sul corpicino martoriato della segugia, e da lì si rilevano incongruenze rispetto alla cartella clinica. Tra le giustificazioni accampate dal professionista e le perplessità del proprietario, ecco che inizia un contenzioso legale.

Soprattutto, però, nel nome di Lea inizia una campagna contro la malasanità veterinaria. Che esiste, proprio come per gli umani, ma è meno conosciuta. Dal 2012, quando Lea se n’è andata, nell’anniversario della sua morte – il 4 febbraio – si celebra la Giornata contro la malasanità veterinaria. Perché non ricapiti. “Mai più come Lea”, è il motto della giornata.

Leggi anche:

Adotta un cane sordo e lui gli cambia la vita

Monica Nocciolini

Sente il cane abbaiare ed esce dal coma

Monica Nocciolini

Cane rischia di morire travolto da una valanga ma viene salvato da due studenti 

dogitpanel

Ora che i suoi cuccioli non sono più con lei, questa dolce cagnolina piange tutti i giorni 

dogitpanel

Le rubano il cane in un supermercato: dopo mesi di ricerche si riabbracciano

dogitpanel

Il cane Mako adottato al canile, si convince di essere un gatto

Monica Nocciolini
error: © copyright dog.it