Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Storie

La storia di Solovino, il cane rifiutato da tutti per anni. Era sordo, ma nessuno lo aveva capito

storie di cani: solovino

La storia che stiamo per raccontarvi riguarda un cane che è riuscito a sopravvivere vivendo per le strade di Los Angeles per ben 11 anni.

Solovino, il nome del cane, dormiva in un parcheggio per non essere investito dalle macchine per strada. Una donna di buon cuore lo ha notato e lo ha segnalato all’associazione Rochet Dog Rescue di San Francisco.

Appena arrivato, si è reso subito adottabile, ma è passato di famiglia in famiglia, tornando sistematicamente sempre al rifugio.

L’ultima ad adottarlo è stata poi una donna di nome Carol, che non si è mai data per vinta e mai si è arresa alla prima difficoltà. Solovino non era un cane facile, aveva vissuto per strada una vita intera. Non era molto socievole, anzi si spaventava quando qualcuno cercava di avere un contatto con lui.

Carol è stata paziente, e solo così ha potuto capire che Solo era sordo e aveva dei problemi dentali che gli provocavano parecchio dolore. Ecco perchè era sempre stanco.

Gli ha comprato subito un giubottino con su scritto “cane sordo” così che la gente non si spaventasse. Poi ha iniziato ad accendere le luci della stanza quando si avvicinava, così il cane capiva che c’era qualcuno accanto a lui.

Con queste piccole ma importanti accortezze, Solo ha capito che Carol gli voleva davvero bene e avrebbe fatto di tutto per lui.

Oggi i due sono inseparabili.

Leggi anche:

Il cane randagio ha freddo, la cagnolina gli porge la coperta passandogliela dal giardino

Monica Nocciolini

“I miei genitori umani non mi vogliono”. Così Ciccio cerca un nuovo amore 

dogitpanel

Abbandonano il cane disabile a faccia in giù per terra e coi suoi pannolini

Monica Nocciolini

Il cane finisce nel vascone dei rifiuti, bloccato appena in tempo il polpo metallico che lo avrebbe stritolato

Monica Nocciolini

Con 40 cani nella degrado di 50 metri quadri, denunciato

Monica Nocciolini

La portano in un rifugio perchè “abbaia troppo” e chiedono di sopprimerla. Ora Brownie ha una nuova famiglia 

dogitpanel