Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Storie

Cani fantasma disgraziati, i 4mila della periferia di Istanbul

Ogni 4 cani randagi, uno ha ferite alle zampe causate da incidenti d’auto o aggressioni. E siccome i cani randagi nelle foreste intorno alla città di Istanbul sono circa 4.000 il triste conto di quanti siano i poveri miserabili con la coda è presto fatto. Altri poi hanno scabbia o altre infezioni. Tutti sono estremamente deboli, malati, senza cibo e le mamme con i seni vuoti di latte per i cuccioli.

L’amministrazione locale porti avanti un programma di cattura, sterilizzazione, vaccinazione e rilascio sul territorio, ma soltanto una piccola percentuale di questi cani rientra nel progetto, venendo registrata attraverso un marchio auricolare e vaccinata contro la rabbia. Un aiuto a questi cani disgraziati arriva anche da Oipa, che in Turchia si fa carico di aiutare e seguire 500 randagi.

“Nessuno si occupa di loro, diventano randagi invisibili che affamati e spesso malati o feriti si aggirano nella periferia esterna della città in zone boschive in cerca di cibo. Proprio per la mancanza di nutrimento, alcuni di questi cani arrivano ad aggredirsi violentemente e cibarsi dei cuccioli per poter sopravvivere”, riferisce Oipa in una nota.

Per aiutarli i volontari si recano nella zona di Kurtkoy Forest almeno 4 volte a settimana. Il meteo non sempre è clemente, ma loro lo sfidano. Anche ogni giorno se poi ci sono cuccioli. Portano cibo secco. Quando i soldi scarseggiano cucinano a casa quel che hanno. Da quelle postazioni, ciotole comuni esposte alle intemperie, i cani hanno sostentamento. Ma sono 500. E in tutto sono 4.000.

 

Leggi anche:

“Non la voglio più, preferisco i cani di razza”. La storia di Pannocchia, ancora una volta rifiutata 

dogitpanel

Un anno di ricerche e il cane Walter torna a casa

Monica Nocciolini

Pitbull viene adottato ma si rifiuta di lasciare il rifugio. “Non abbandonerò mai la mia amichetta pelosa”

dogitpanel

Ritrova il cane perduto un anno prima su una lattina, la sua foto per uno spot adozioni

Monica Nocciolini

Smarrita cagnolina in provincia di Catanzaro: lauta ricompensa per chi riuscirà a trovarla 

dogitpanel

Cucciolo incatenato nella diga perché affogasse

Monica Nocciolini