Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Storie

Il suo umano si getta da un ponte, il cane rimane quattro giorni ad aspettarlo

Il suo umano non reggeva più il peso della vita e l’ha buttata gettandosi da un ponte. Proprio su quel ponte, il suo cane lo ha atteso per quattro giorni dopo averlo visto volare via. Gli occhi puntati su quelle acque in cui lo aveva visto sparire.

La storia arriva dalla Wuhan epicentro del primo focolaio noto di coronavirus covid-19. Il cagnolino era col suo proprietario quando questi ha deciso di compiere quell’ultimo gesto disperato lanciandosi dal ponte Yangtze. Beh, non si è più mosso.

Leale e devoto, il quattro zampe è rimasto lì per giorni con gli occhi sgranati ad attendere quel che non sarebbe mai potuto accadere, ovvero he il suo adorato proprietario tornasse da lui. Ad accorgersi del cagnolino è stato un abitante della zona, che ha tentato di avvicinarsi al cane per portarlo a casa e adottarlo.

Nulla da fare, il pelosetto è fuggito. Come raccontato dal quotidiano Chutian Metropolis, per recuperarlo è intervenuta anche la Wuhan Small Animal Protection Association con i suoi volontari locali. Insieme ai funzionari del ponte hanno visualizzato i filmati di sorveglianza e hanno capito quando hanno visto la persona gettarsi giù.

 

Ti è stata utile questa lettura?

 
Le opinioni dei nostri lettori sono importanti per noi. Se hai ritenuto interessante questa lettura, ti invitiamo a darci un voto semplicemente cliccando sulle stelle che seguono.
 
4.10 / 5 (21 voti)

Leggi anche:

Sei cani vittime di accumulatrici, li libera Enpa a Salina

Monica Nocciolini

Il cane Soup scappa e finisce… in prigione!

Monica Nocciolini

Il cane Mako adottato al canile, si convince di essere un gatto

Monica Nocciolini

Una Principessa in scatola: cagnolina per mesi in un cartone per scarpe

Monica Nocciolini

Salvata dal mattatoio in Cina già senza zampe, la sua seconda vita è americana

Monica Nocciolini

Malore nel sonno per il bimbo autistico, lo salva il rottweiler di casa

Monica Nocciolini