Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Storie

Il cane in reparto Covid e torna la voglia di respirare ancora

Ricoverata nella bolla Covid dell’ospedale San Donato di Arezzo, una donna di 80 anni ha potuto rivedere il suo cane, un barboncino di nome Whiskey. E le sue condizioni psicofisiche sono migliorate. A raccontare l’esperienza del quattro zampe in corsia Covid-19 è stata la stessa azienda sanitaria. E’ stato il personale medico e infermieristico a rendere possibile il delicato ed emozionante incontro tra l’anziana e il suo cane.

La signora era stata ricoverata una decina di giorni prima nel reparto di pneumologia. Non migliorava. Così il primario Raffaele Scala ha deciso di farla incontrare con il suo barboncino. Con tutte le precauzioni del caso, i sanitari hanno condotto Whiskey fino al letto della donna che, intubata, ha potuto comunque chiamare il cane. Gli occhi hanno scintillato: era il segnale della ripresa. Il cagnolino ha fatto tutte le feste del mondo. Quando gli operatori hanno tolto alla signora la maschera total face che indossava, lui le ha baciato il viso a più non posso. Poi si è accucciato ai piedi della sua amica come per vegliarla.

La commozione è stata generale e si è impadronita anche di medici e infermieri. “Sono fortunato perché la mia équipe trova non solo la strada professionale, ma anche umana e psicologica per aiutare i pazienti ad affrontare le difficoltà della malattia. Nel caso specifico la collaborazione del paziente per evitare la ventilazione meccanica è fondamentale. L’arrivo del cagnolino ha sicuramente migliorato l’aspetto psicologico della paziente che, sarà una coincidenza, ha avuto anche un miglioramento sul fronte clinico“, ha detto Scala.

 

Ti è stata utile questa lettura?

 
Le opinioni dei nostri lettori sono importanti per noi. Se hai ritenuto interessante questa lettura, ti invitiamo a darci un voto semplicemente cliccando sulle stelle che seguono.
 
5 / 5 (1 voti)

Leggi anche:

Si lancia in piscina per salvare il cane anziano: ecco chi è il fattorino eroe

Monica Nocciolini

“Dammi tempo e non farmi male. Così il nostro futuro insieme sarà bellissimo”. Commovente preghiera di un cane randagio

Monica Nocciolini

Lascia il cane a morire chiuso in auto mentre lui si rinfresca in piscina

Monica Nocciolini

La pettorina come una prigione. Il cane Rocco salvato dal cattivo odore dell’infezione

Monica Nocciolini

“Il cane è turbolento, non lo vogliamo”. E lui diventa l’angelo custode delle balene

Monica Nocciolini

Cani di piccola taglia: conoscerli per amarli!

Giuseppina Russo