Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Storie

Il cane Coraggioso attende il suo umano 5 giorni fuori dall’ospedale, poi sparisce. E’ giallo

C’è preoccupazione a Bartin, in Turchia, dove da alcuni giorni non si hanno più notizie del cane chiamato Coraggioso. Il golden retriever aveva commosso l’intero paese dopo che aveva seguito a piedi per chilometri l’ambulanza che trasportava nell’ospedale locale il suo amato proprietario, affetto da patologia respiratoria.

La sua storia di fedeltà e dedizione aveva commosso tutta la Turchia. Il cane aveva trascorso ben cinque giorni davanti al nosocomio di Bartin, aspettando senza muoversi. Di lui aveva parlato anche l’agenzia di stampa Anadolu. I sanitari, inteneriti, gli portavano cibo e andavano a scambiare con lui qualche coccola.

Poi, un mattino, davanti all’ospedale della cittadina turistica sul Mar Caspio Coraggioso non c’era più. Lo hanno cercato  nei dintorni, lo hanno chiamato. Hanno provato a controllare se fosse tornato sui suoi passi verso la casa che divideva col suo umano, Onodou Soulu, magari per aspettarlo lì o per provare a ricongiungersi con lui. Ma nulla. Un giallo. E adesso la Turchia, dopo la commozione, si preoccupa per lui.

 

Ti è stata utile questa lettura?

 
Le opinioni dei nostri lettori sono importanti per noi. Se hai ritenuto interessante questa lettura, ti invitiamo a darci un voto semplicemente cliccando sulle stelle che seguono.
 
3.30 / 5 (10 voti)

Leggi anche:

Cucciolo sottratto al giro dei combattimenti clandestini diviene la mascotte di un intero quartiere

Monica Nocciolini

Travestimenti buffi per i cani anziani, così un rifugio spinge le adozioni

Monica Nocciolini

Come cane e gatto? A Ostia loro sono inseparabili

Monica Nocciolini

La cagnolina è nera, nessuno la adotta. Ma per la piccola Tabata si prepara il riscatto

Monica Nocciolini

Lancia il suo cane da una falesia, gli investigatori aprono un’inchiesta

Monica Nocciolini

Il cane più felice del mondo? Senza un pezzo di cervello è un miracolo di vita

Monica Nocciolini