Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Storie

Da sopprimere o da salvare? Il gattino sul crinale adottato dal veterinario


Da sopprimere o da salvare? Quando il gattino Nemo si è trovato su quel crinale, il veterinario a cui era stato chiesto di praticargli l’eutanasia ha deciso di salvarlo. A scegliere la vita è stato il dottor Matt McGlasson, nella cui clinica il micio è poi stato adottato da uno dei tecnici dello staff. Il micione fulvo, tenero tenero, erano stato portato in clinica dai volontari di un’associazione. A loro avviso non c’era molto da fare per quel gatto con la zampa compromessa.

Secondo il veterinario, invece, Nemo poteva essere curato. Certo, la zampa era spacciata e per quella non restava che l’amputazione. Una volta praticato l’intervento chirurgico, come raccontato anche da The Dodo oltre che dallo stesso dottor McGlasson attraverso TikTok, Nemo pian piano si è adattato alla nuova situazione iniziando a camminare a tre zampe. Complicazioni postoperatorie: zero.

Il gatto ha un carattere pacioso, dolce, socievole. Questo lo ha aiutato perché l’intero staff ha potuto prodigarsi per aiutarlo contando sulla sua complicità. Il suo bello spirito lo ha aiutato a guarire, ma ha anche fatto innamorare uno dei collaboratori della clinica che lo ha adottato. Senza quell’iniezione letale ora nemo ha casa e famiglia. Ha avuto una nuova possibilità, e l’ha colta.

Le migliori tariffe per i nostri lettori. Risparmio Assicurato

Per tutti i lettori di Dog.it le migliori tariffe per viaggi vacanza o viaggi di affari

 

Leggi anche:

Cora era un cane spacciato. In soli 3 mesi è rinata grazie all’amore

Michele Urbano

Non solo la cagnetta Laika: ecco chi erano gli altri cani russi mandati nello spazio

Giuseppina Russo

Cane salva una bambina da una tragica morte in culla

Michele Urbano

Ecco una nuova casa per il pitbull oggetto di maltrattamenti

Monica Nocciolini

Il paziente più bravo del mondo: questo cane dal veterinario vi sorprenderà

aggiornamenti

Arriva la neonata, chiudono il cane in garage per cinque mesi

Monica Nocciolini