Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Storie

“Per favore amami, mia mamma non può prendersi cura di me”. La dolce storia di Lilo

storie di cani

La storia che vi raccontiamo oggi riguarda la piccola Lilo, una dolcissima cagnolina che è stata vista vagare da sola per le strade del Tennesse con un messaggio al collo.

Il biglietto conteneva esattamente questo messaggio: “Mi chiamo Lilo. Per favore, amami. Mia madre non può più mantenermi, è rimasta sola, senza casa e con due figlie. Ha fatto del suo meglio, ma non può più tenermi, io costo troppo. Per favore, non maltrattarmi”.

Quel biglietto non era altro che un doloroso grido di aiuto. Infatti il suo scopo era generare grande partecipazione degli utenti sui social, facendo sì che la donna tornasse a cercare la sua cagnolina.

Fortunatamente, i volontari del rifugio MAC si sono presi cura di lei, comprendendo le ragioni della donna, costretta a prendere una decisione simile. “Vogliamo che tu sappia che Lilo è al sicuro e che ci prenderemo la massima cura di lei. Sarà amata dal nostro staff e dai volontari, manterremo il suo nome e promettiamo che faremo tutto il possibile per trovargli una nuova meravigliosa casa”, questo il post indirizzato alla mamma umana di Lillo.

Speriamo tanto che qualcuno voglia adottare questa stupenda cagnolina e darle finalmente la vita che merita.

Credits: Youtube / @WKRN News 2

Le migliori tariffe per i nostri lettori. Risparmio Assicurato

Per tutti i lettori di Dog.it le migliori tariffe per viaggi vacanza o viaggi di affari

 

Leggi anche:

Golden Retriever partorisce 4 cuccioli pezzati come mucche! Incredibile storia

aggiornamenti

Cane randagio veglia il corpo del compagno morto per due settimane

Monica Nocciolini

Cagnolina scomparsa da giorni: aiutiamo i suoi umani a ritrovarla

dogitpanel

Cucciolo di boxer rubato da casa, lo ritrovano legato a un cassonetto

Monica Nocciolini

Mollato in canile dopo 11 anni in famiglia, lui piange disperato ogni notte

Monica Nocciolini

Gli rubano il cane la notte di Natale, poi l’appello disperato: «Aiutatemi»

aggiornamenti