Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Notizie

Un provvedimento di grande civiltà: cure veterinarie gratis per chi adotta un cane o un gatto

cure veterinarie gratis

Un animale in casa fa sentire meno soli, specie i nostri anziani. Da qui la proposta di offrire cure veterinarie gratuite per sostenere gli umbri che adottano nei canili e nei gattili. L’Umbria sarà la prima regione ad offrire il rimborso delle spese veterinarie a seguito di adozione di un cane o un gatto.

Un provvedimento di grande civiltà che dovrebbe essere esteso a tutte le regioni d’Italia. Due i firmatari della proposta Marco Squarta (Fratelli d’Italia) e Carla Casciari (PD). Pensiamo a quante famiglie svantaggiate economicamente che potrebbero usufruire di queste prestazioni. Si sbloccherebbero anche tante adozioni e i canili sarebbero meno affollati e gli anziani o le persone con disabilità ne trarrebbero un profondo giovamento in termini di salute.

Avere un cane porta a combattere la depressione e l’assistenza ad un amico a quattrozampe richiede movimento fisico. Spesso i soldi per mantenere gli animali scoraggiano le persone ma grazie a questa splendida iniziativa forse le cose potranno cambiare.

Sono incluse nelle prestazioni erogate per i primi tre anni ( prorogabili) anche microchip e sterilizzazione.

Le migliori tariffe per i nostri lettori. Risparmio Assicurato

Per tutti i lettori di Dog.it le migliori tariffe per viaggi vacanza o viaggi di affari

 

Leggi anche:

Chiuso in Italia allevamento di visoni destinato al massacro da pellicce. Basta massacri!

Michele Urbano

Picchia barbaramente e spara al suo cane. Si giustifica cosi: “Sono un cacciatore, faccio quel che voglio”

Michele Urbano

Adozione per Daniel, magnifico cucciolo di soli 2 mesi – futura taglia media

aggiornamenti

Come aiutare cani randagi: due storie dalla Bolivia

Giuseppina Russo

Stella Libera, l’associazione nata per aiutare cani con problemi oncologici

Michele Urbano

Dal Ministero arriva lo stop all’ingresso di cani e gatti provenienti dall’Ucraina. 

Michele Urbano