Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Adozione Cura Notizie

Separazione e affidamento del cane, cosa prevede la legge?

separazione e affidamento cane

Il numero degli animali da compagnia in Italia è in costante aumento: è un fatto.

Crescono assiduamente nel nostro Paese pure separazioni e divorzio: altro dato inconfutabile.

Cosa accade quando queste due circostanze si incrociano?

E cioè quando una coppia proprietaria di un cane (o di un qualunque altro animale d’affezione) si separa?

Vediamo cosa stabilisce la legge nell’evenienza della separazione e affidamento del pet, a fronte di un quadro normativo carente.

Separazione e affidamento: cosa stabilisce la legge in merito agli animali da compagnia?

Secondo quanto recita l’art 455-ter del Titolo XIV-bis degli animali (Libro primo del Codice Civile):

“In caso di separazione dei coniugi, proprietari di un animale familiare, il Tribunale, in mancanza di un accordo tra le parti, a prescindere dal regime di separazione o di comunione dei beni e a quanto risultante dai documenti anagrafici dell’animale, sentiti i coniugi, i conviventi, la prole e, se del caso, esperti di comportamento animale, attribuisce l’affido esclusivo o condiviso dall’animale alla parte in grado di garantirne il maggior benessere. Il tribunale è competente a decidere in merito all’affido di cui al presente comma anche in caso di cessazione della convivenza more uxorio.”

Dunque, in caso di accordo, erano i coniugi stessi a decidere a chi dei due l’animale venisse affidato (come pure le condizioni del mantenimento).

In caso invece di mancanza di accordo era il Giudice a stabilire, nel massimo interesse dell’animale, a chi dei due spettasse il pet (spesso affidato alla persona che aveva in affidamento anche i figli).

Solo recentemente si è iniziato a parlare di affidamento congiunto, grazie ad una sentenza del Tribunale di Cremona.

Per cui adesso entrambi i coniugi possono continuare a prendersi cura dell’animale, pur non stando più insieme (dividendo le spese per il mantenimento a metà).

In definitiva i diritti dell’animale domestico vengono equiparati a quelli dei figli.

E quando invece i proprietari di Fido NON sono sposati e pongono fine alla loro convivenza?

Di norma l’affidamento spetta a colui che ha iscritto l’animale all’Anagrafe Canina.

Tuttavia, anche qui è possibile richiedere l’affidamento congiunto.

Colui che NON risulta formalmente proprietario (perché non ha materialmente iscritto l’animale all’anagrafe) dovrà dimostrare che Fido ha sviluppato una relazione affettiva con entrambi e che entrambi se ne sono presi cura in egual misura.

In questo modo si vanificheranno quasi del tutto i diritti di proprietà, considerando finalmente l’animale un essere senziente e non un bene.

Credits Foto: Pixabay.com

Leggi anche:

Agli italiani piace l’adozione, 7 su 10 scelgono il cane in rifugio

Monica Nocciolini

Cane intossicazione da acqua, ecco come intervenire per curarlo e salvarlo

Giuseppina Russo

Pronto soccorso veterinario ed unità operativa per la lotta al randagismo in Molise

dogitpanel

Nasce MyDogLove l’app per trovare il professionista più adatto alle esigenze del tuo animale domestico

dogitpanel

Come prevenire l’alitosi nel cane

dogitpanel

Benvenuti in casa Aniston, la star presenta il nuovo cucciolo

Monica Nocciolini