Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Storie

Tutto pronto per l’adozione, ma in canile non si presenta nessuno. La triste storia di Vicente 

storie di cani

La storia che vogliamo raccontarvi oggi è quella di un cane che si è fatto bello per conoscere il suo papà umano, ma purtroppo il giorno dell’adozione qualcosa è andato storto.

Vicente è arrivato al rifugio Rescate Bogotà, in Colombia, qualche mese fa. I volontari si sono subito mobilitati per aiutarlo a tornare a sorridere ma anche e soprattutto per trovargli una casa e una famiglia amorevole.

In effetti, qualcuno aveva fatto richiesta per lui e il dolce cagnolone era felicissimo.

Il grande giorno era arrivato. Vicente si era vestito a festa per conoscere finalmente il suo papà umano.

All’ultimo minuto, però, qualcosa non è andato nel verso giusto. L’uomo ha annullato la sua richiesta di adozione, comportandosi come se avesse a che fare con un oggetto.

I volontari hanno immediatamente condiviso il fatto sui social, ribadendo che quando si a che fare con gli animali, bisogna avere sensibilità e sentimento, cose che purtroppo in questa situazione sono mancate.

Finalmente, una richiesta è arrivata, e Vicente ora potrà essere felice per sempre.

Credits: @rescatamebogota / Instagram

Le migliori tariffe per i nostri lettori. Risparmio Assicurato

Per tutti i lettori di Dog.it le migliori tariffe per viaggi vacanza o viaggi di affari

 

Leggi anche:

Partono per le vacanze, scaraventano il cane oltre il cancello del canile. Ma sono stati filmati

Monica Nocciolini

“Non temere umano, ti curo io!”. Pitbull veglia il suo amico, un bimbo con l’influenza

aggiornamenti

Questa cucciola stupenda dopo aver rischiato di morire nel tritarifiuti, ha trovato casa.

aggiornamenti

Abbandona il cane in gabbia accanto ai cassonetti, ma viene trovata e arrestata

Monica Nocciolini

Salva un cane cieco dal rifugio: l’entusiasmo di quest’uomo buono è incontenibile

aggiornamenti

Abbandonato tra i rifiuti cucciolo di poche settimane. “Il cestino era la mia cuccia”

Michele Urbano