Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Storie

“Sono stato avvelenato da qualcuno che non sa amare e il mio cuore di cane si è fermato”

“Una mattina, dopo una passeggiata di fronte casa, qualcosa è cambiato. Sono stato male. E dopo 4 giorni di agonia e dolori forti, ho chiuso gli occhi per sempre. Ieri mattina, 23 febbraio, alle 7.15 il mio cuore ha smesso di battere. Sono stato avvelenato, da qualcuno che non sa amare, ma solo odiare noi cani. Ho sentito il mio papà piangere e disperarsi, ma era tardi. Ora riposo in pace, ma nel mio nuovo mondo, corro felice. Perché so che un giorno rivedrò il mio papà e nessuno ci dividerà”: sono alcuni passaggi della tenera e straziante lettera con cui il cantautore di Fagnano Max Piro ha immaginato di poter dare voce al suo cane labrador Beethoven, ucciso dal veleno.

La lettera, condivida su Facebook, ha fatto il giro del web mentre Piro stenta a superare il lutto per il quattro zampe: “E’ passata una settimana esatta – scrive sui social – ora la mia vita è vuota, mentre quella di chi l’ha ucciso, sicuramente sarà ancora la stessa di prima… inutile!!! Ti amo piccolo cuore d’oro – prosegue rivolto al suo cane che non c’è più – sei sempre con me nei miei pensieri”.

E così, nella lettera scritta di zampa da Piro, il cane Beethoven racconta la sua storia: “Il mio nome era Beethoven, avevo solo 7 anni. Insieme al mio papà, vivevo in questa casa, ed ero felice. Papà mi aveva portato in questa cittadina, perché mi aveva detto che qui al nord, i cani venivano trattati bene… e io mi fidavo ciecamente del mio papà, lui mi amava!!!”

“Amavo stare sempre vicino a lui, anche quando viaggiava. Mi accasciavo sul sedile posteriore dell’auto e mi rilassavo,  perché con papà mi sentivo sempre al sicuro. Mi piacevano le passeggiate, ero un Labrador, e per me annusare i profumi della natura, era tutto. Qui a Fagnano, avevo conosciuto tante persone, e tutte mi salutavano, e mi regalavano carezze… e io ero felice. Tante volte, papà suonava la chitarra e io mi accuciavo vicino a lui e le sue note mi rilassavano fino a dormire. Ero sempre al suo fianco, e bastava uno sguardo per capirci”. Fino a quel giorno terribile in cui qualcuno ha sparso in un parco dei bocconi avvelenati.

Pubblicato da Max Piro su Lunedì 1 marzo 2021

 

Ti è stata utile questa lettura?

 
Le opinioni dei nostri lettori sono importanti per noi. Se hai ritenuto interessante questa lettura, ti invitiamo a darci un voto semplicemente cliccando sulle stelle che seguono.
 
4.35 / 5 (201 voti)

Leggi anche:

Tre settimane senza cibo né acqua, due cani sopravvivono alla morte del loro umano

Monica Nocciolini

Arriva la neonata, chiudono il cane in garage per cinque mesi

Monica Nocciolini

Per Ariana Grande la domenica è dei cani

Monica Nocciolini

Dal canile il grido di dolore: “Non buttate cuccioli a morire, sterilizzate prima”

Monica Nocciolini

Maratoneta in aiuto di un cucciolo randagio, corre 30 km con lui in braccio

Monica Nocciolini

Spara al cane che insegue i suoi polli e lo uccide: condannato

Monica Nocciolini