Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Storie

Questo signore ha salvato la vita a dei cuccioli di volpe che ora non lo lasciano più


Questo anziano signore ha compiuto un gesto davvero amorevole nei confronti di queste volpine che ora sono diventate inseparabili.

Gli animali sanno essere riconoscenti, molto più che gli esseri umani e a testimoniarlo vi racconteremo questo episodio che vede protagonista un “nonno” e due bellissime volpi.

Patty Gibson è un pensionato del Regno Unito che vive in campagna ed un bel giorno si è imbattuto in due batuffoli rossicci. Si trattava di due cuccioli di volpe. Monitorandoli con attenzione, l’uomo si è reso conto che erano orfani. La loro madre non andava nella tana per nutrirli, probabilmente perché venuta a mancare o per cause naturali o per colpa dei cacciatori.

Come in una favola della Disney, l’uomo prese in carico i piccoli di volpe, nutrendoli, dandogli cure e riparo. Oggi le due volpi sono adulte e si comportano come il più amorevole dei cani: si lasciano guidare al guinzaglio, si fanno prendere in braccio e condividono la casa con l’uomo che le ha salvate.

Gli animali non hanno infatti manifestato alcun desiderio di lasciare l’uomo, ma anzi sono diventate inseparabili da lui e molto riconoscenti.

 

Le migliori tariffe per i nostri lettori. Risparmio Assicurato

Per tutti i lettori di Dog.it le migliori tariffe per viaggi vacanza o viaggi di affari

 

Leggi anche:

La dedica del Pusher al cane antidroga: “Saremo criminali ma abbiamo un cuore. Ciao Rocky!”

Michele Urbano

Trova un cane in mezzo alla strada e si stupisce quando legge il messaggio scritto sul collare

aggiornamenti

 “Non volevo che morisse”. Donna lascia il suo cane chiuso in macchina e trascorre la giornata in piscina

Michele Urbano

Salva un cane cieco dal rifugio: l’entusiasmo di quest’uomo buono è incontenibile

aggiornamenti

“Sono molto malato, prendetevi cura di lei”. Cagnolina abbandonata a malincuore dal suo umano

Michele Urbano

La storia di Eric, il cane guarito dal cancro dopo 17 cicli di chemioterapia e oggi adottato 

Michele Urbano