Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Storie

Presa a calci dal suo umano, per il cane Kila è scattata la denuncia

Il suo umano la prendeva brutalmente a calci. Kila, una povera cagnolina, subiva senza ribellarsi il suo inferno. Ma qualcuno guardava, e filmava e fotografava. Così in suo soccorso sono arrivate le guardie zoofile dell’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa) di Udine. Hanno sequestrato la piccola e il suo aguzzino ha finito per essere denunciato per il reato di maltrattamento.

La vittima, Kila, ha circa tre anni  ora cerca una casa che l’accolga dandole l’amore e la cura che le facciano dimenticare il suo passato. Gli operatori Oipa la descrivono come equilibrata, dolce e socievole. Adesso si trova in una struttura protetta.

“Siamo intervenuti dopo una segnalazione che, con foto e video, testimonia come Kila venisse ripetutamente percossa come punizione a causa di contrasti con l’altro cagnolino di casa al momento della somministrazione del cibo”, riferisce in una nota Edoardo Valentini, coordinatore provinciale del nucleo Guardie ecozoofile Oipa di Udine. “Fortunatamente non ha riportato gravi lesioni, ma immediatamente abbiamo proceduto al sequestro preventivo e alla denuncia del proprietario”.

“La violenza su un animale è un’azione criminosa penalmente rilevante“, continua Valentini. «Anche nell’addestramento del cane, scappellotti, botte e calci non insegnano nulla. Con la brutalità non si educa e non si risolvono i problemi comportamentali. Inoltre, l’impiego della violenza porta un cane a ritenere che la combattività sia un valido mezzo di comunicazione con l’uomo e dunque, non appena lo riterrà opportuno, lo impiegherà anche lui. Questo comportamento è definito aggressività ridiretta”.

 

Ti è stata utile questa lettura?

 
Le opinioni dei nostri lettori sono importanti per noi. Se hai ritenuto interessante questa lettura, ti invitiamo a darci un voto semplicemente cliccando sulle stelle che seguono.
 
2.80 / 5 (5 voti)

Leggi anche:

Il dramma di Simon, cane intrappolato nel suo stesso pelo

Monica Nocciolini

Quando capisce che lo lasciano in canile, il cane non smette di piangere

Monica Nocciolini

Sei cani vittime di accumulatrici, li libera Enpa a Salina

Monica Nocciolini

Troppo anziano per loro, smettono di nutrire il cane per farlo morire

Monica Nocciolini

Il grande Totò definì così i nostri amici cani: “A metà tra angeli e bambini”. La sua prima poesia per il barboncino Dik

Monica Nocciolini

Diabetico, anziano: “Dottore, voglio che sopprima il mio cane”

Monica Nocciolini
error: © copyright dog.it