Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Notizie

Auguri per la Giornata mondiale dei cani in ufficio (anche in tempi di smart working…)


Buona Giornata Mondiale dei Cani in Ufficio! Beh sì: l’emergenza pandemica costringe molti in telelavoro o lavoro agile, ma la festa resta ed è oggi. Nata nel 1996 nel Regno Unito, la festa è un’idea dell’associazione Pet Sitters International (PSI).

Il decollo avviene tre anni dopo, quando nel 1999 gli Stati Uniti e il Canada iniziano ad integrarla nei loro calendari. E’ boom. Ogni anno cade in una data diversa, fissata nel primo venerdì dopo la Festa del Papà statunitense, che cade la terza domenica di giugno. E quindi insomma nel 2020 è oggi, 26 di giugno.

Se nel mondo anglosassone ormai il Take your dog to work day rappresenta una realtà consolidata, l’Italia invece nicchia, e il cane alla scrivania è ancora mal tollerato. In tempo di smart working, lungo lo Stivale si contano più proprietari a casa col cane, che cani in ufficio col proprietario.

Tant’è. Sta di fatto che anno dopo anno la sensibilità pet lovers aumenta, e si moltiplicano gli studi scientifici che attestano i benefici effetti della presenza di un cane nel posto di lavoro proprio in termini di benessere relazionale che si riflette sulla produttività. In Italia si stima che le aziende con cani ammessi siano una su cinque, ma il trend parrebbe in aumento.

Le migliori tariffe per i nostri lettori. Risparmio Assicurato

Per tutti i lettori di Dog.it le migliori tariffe per viaggi vacanza o viaggi di affari

 

Leggi anche:

Quella sfortunata carica dei 101, condannata accumulatrice di cani

Monica Nocciolini

A Porto Torres, regolamento “salva animali”: Stop ai botti di Capodanno

Michele Urbano

Due cani uccisi nella notte, erano i beniamini dei bimbi. Incubo avvelenamenti a Castelvetrano

Monica Nocciolini

Adozione del cuore per Lulù: questa cagnolina con il morbo di Addison vi riempirà il cuore

aggiornamenti

Italo contro l’abbandono degli animali. I volontari viaggeranno gratuitamente sui treni per staffette adottive

Michele Urbano

Sindrome del cane nero: una “malattia” tutta umana!

Giuseppina Russo