Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Addestramento Comportamento

Ecco perché il cane morde i piedi quando cammini

cane morde i piedi

Pur trattandosi di un comportamento abbastanza frequente e naturale, può creare qualche problema, non solo perché fastidioso, ma anche perché si rischia di inciampare e cadere, oppure di fare involontariamente male a Fido: vediamo allora i motivi per i quali il cane morde i piedi in movimento, e come arginare questo fenomeno.

Il cane morde i piedi: la differenza consiste nell’età

È vero che si tratta, come detto, di un fenomeno abbastanza naturale, ma il suo significato è differente a seconda dell’età del cane che lo mette in atto.

Come i cuccioli di uomo pure quelli di cane conoscono il mondo attraverso la bocca.

E come loro hanno fastidio ai denti quando questi spuntano, e cercano di alleviarlo ‘azzannando’ ogni cosa.

E poi in generale il movimento crea curiosità in qualsiasi animale, soprattutto quelli che geneticamente nascono come predatori, per cui è normale il tentativo di afferrare l’oggetto in questione (non solo piedi, ma anche scarpe e lacci).

Tuttavia, bisogna considerare anche altre cause.

In primis la noia, che potrebbe subentrare soprattutto quando il padrone non dedica loro sufficiente tempo.

Oppure la condotta potrebbe avere un’origine traumatica, spesso attribuibile ad un distacco repentino dalla figura materna, che potrebbe aver generato una paura abbandonica.

La noia, la ricerca di attenzioni e la paura della solitudine sono motivazioni che persistono pure nel cane adulto; tuttavia in questo caso si tratta di un atteggiamento radicato, comparso già in tenera età, che non è mai stato corretto, e che l’animale continua a perpetuare perché sa in questo modo di attirare l’attenzione del suo padrone.

Da escludere invece un’interpretazione che lega il comportamento alla rabbia.

Come comportarsi quando il cane morde i piedi

Come anticipato a cosa migliore è agire per tempo, vale a dire quando si ha a che fare con un cucciolo o comunque non appena il comportamento si manifesti, dii modo che non si cronicizzi.

Ecco alcune delle modalità di intervento:

  • Comandiamo: che si tratti di una parola, di un’esclamazione, o di un vocalizzo, ciò che conta è far capire a Fido che il suo comportamento non è gradito… col tempo si abituerà a non farlo più.
  • Fermiamoci: se il cane è attirato dal movimento, interrompiamoci; se però è riuscito ad afferrare la scarpa o i lacci non tiriamoli dalla bocca perché potrebbe essere pericoloso per i suoi denti, oppure convincerlo che si voglia giocare con lui in quel modo.
  • Ignoriamolo: non guardarlo negli occhi, restare in silenzio e lasciarlo solo il prima possibile, in questo modo non sentendosi considerato il cane perderà la voglia di giocare in questo modo
  • Distraiamolo: utilizziamo altri oggetti che possano costituire un’alternativa ai nostri piedi, come una vecchia scarpa.

L’ultima spiaggia è affidarsi ad un esperto del settore: un veterinario se si sospettano problemi di salute, magari ai denti; un etologo se si tratta di problemi educativi.

 

Ti è stata utile questa lettura?

 
Le opinioni dei nostri lettori sono importanti per noi. Se hai ritenuto interessante questa lettura, ti invitiamo a darci un voto semplicemente cliccando sulle stelle che seguono.
 
4 / 5 (1 voti)