Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Alimentazione

Cane non mangia le crocchette, perché e cosa fare

Cane non mangia crocchette

Vedere l’entusiasmo del nostro amico a quattro zampe quando stiamo per dargli la pappa è estremamente comune. Purtroppo il cane non mangia le crocchette, talvolta, per svariati motivi. Si pensa che possa essere un problema di salute – e nel caso sia inappetente su ogni fronte può essere – e ci si preoccupa. Ma di cosa può trattarsi esattamente?

Il cane non mangia le crocchette, perché?

Se il cane non mangia le crocchette può trattarsi di un problema di salute che lo porta ad essere inappetente. Questo deve essere subito sottoposto all’attenzione di un veterinario, perché si tratta di un sintomo molto comune che può condurre anche a patologie gravi. Una volta escluse le cause mediche di tale comportamento è sicuramente necessario cercare altre motivazioni.

Il cane non mangia le crocchette spesso perché gli abbiamo consentito di assaggiare i nostri cibi. Quando al cane diamo tutti i nostri avanzi è probabile che lui smetta di voler mangiare le crocchette perché ha scoperto un altro gusto ed un altro modo di mangiare. Dobbiamo infatti considerare che se il nostro amico a quattro zampe vivesse in natura, anche per via delle sue papille gustative avrebbe pochi sapori da provare.

Se la dieta del nostro cane si basa esclusivamente sulle crocchette può innescarsi un meccanismo di rifiuto, anche perché si tratterebbe di una dieta incompleta. Inoltre, facciamo attenzione a comprare cibo secco di buona qualità, perché se fosse scarsa potrebbero insorgere problemi di diverso tipo, tra cui anche un rifiuto da parte dell’animale.

Il cane non mangia le crocchette, cosa fare

Sicuramente la prima cosa da fare è evitare di dare il nostro cibo all’animale. Questo vale anche in considerazione del fatto che alcuni alimenti potrebbero nuocergli. Possiamo anche introdurre l’alimentazione casalinga ma non deve mai essere presente parallelamente ad una dieta con cibo secco, altrimenti potrebbero venirsi a creare problemi intestinali.

Quindi cerchiamo di non viziare il nostro amico a quattro zampe ma allo stesso tempo rendiamo più appetibili i suoi pasti. Aggiungiamo degli snack fatti in casa alla fine di ogni pasto e, di tanto in tanto, se ci rendiamo conto che il cane non mangia le crocchette, aggiungiamo del brodo fatto in casa. Possiamo anche trovare delle zuppe interamente liquide per cani, oppure con poche aggiunte di carne o pollo. Alcune sono formulate specificatamente per essere associate al secco.

Evitiamo i cambiamenti nella dieta, che non devono essere improvvisi e radicali. Cerchiamo di stabilire un orario preciso per i pasti e facciamo attenzione ai segnali che il cane ci manda, magari con l’inappetenza. Potrebbe essere una spia di gravi problemi di salute fisica o mentale, oppure semplicemente di un problema che dobbiamo risolvere (come un disturbo ai denti o alle gengive).

 

Ti è stata utile questa lettura?

 
Le opinioni dei nostri lettori sono importanti per noi. Se hai ritenuto interessante questa lettura, ti invitiamo a darci un voto semplicemente cliccando sulle stelle che seguono.
 
3.50 / 5 (6 voti)

Leggi anche:

I cani sudano?

redazione

Dieta BARF per il tuo cane: in cosa consiste?

dogitpanel

Diarrea del cane, cosa fare

redazione

Perché il cane sbava?

redazione

Vermi del cane, cosa sono e come identificarli

redazione

Prevenire l’obesità nel cane: cosa fare

redazione