Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Storie

“Il mio nome dev’essere NO, il mio mondo è in 1 metro di catena e se dico bau mi picchiano”: storia di Marley


Se abbiava giù botte. A ogni alzata di sguardo arrivava pronto un secco “no”, tanto che il povero cane doveva aver pensato di chiamarsi in quel modo. Beh, era pur sempre una parola. L’unica che riceveva in quel suo mondo circoscritto nel metro della catena che lo legava dal collo. I suoi proprietari che lo tenevano in quella situazione, cuccia sporca e pappa poca, si rifiutavano però di consegnarlo agli operatori Peta.

Ci sono voluti cinque anni prima che uno di loro, Michael Moss che nel frattempo si era innamorato di quel cagnolino biondo, riuscisse a farselo affidare. Ma il momento è arrivato e per il cane, che non sapeva di chiamarsi Marley, il mondo si è finalmente aperto oltre i confini della sua catena.

Per lui era tutto sconosciuto. Il rifugio dovette parere a quel cagnolino denutrito una residenza a cinque stelle. Acqua pulita senza alghe dentro, ciotola lavata dopo ogni pasto… e poi i veterinari che lo hanno liberato dai parassiti, un bel bagnetto… Marley in poco tempo è rifiorito.

Moss se l’è portato a casa, dove ha imparato a godersi le carezze e le attenzioni, a giocare con l’altro cane di casa – la siberian husky Kyah – e a fidarsi delle persone. Si gode il calduccio delle copertine sul divano, ha i suoi balocchi e abbaia quanto gli pare e piace. E’ felice. Per Marley ‘no’ è solo un ricordo lontano.

 

Le migliori tariffe per i nostri lettori. Risparmio Assicurato

Per tutti i lettori di Dog.it le migliori tariffe per viaggi vacanza o viaggi di affari

 

Leggi anche:

Questo cane aveva sempre mangiato dal pavimento. Quando scopre di avere una ciotola impazzisce di gioia

Michele Urbano

Jason, il peloso sfrattato che torna sempre al centro commerciale

Michele Urbano

Lei cade, il suo cane ferma il traffico per chiedere aiuto

Monica Nocciolini

Orrore a Foggia: cuccioli appena nati chiusi in buste di plastica e buttati nella spazzatura

Michele Urbano

“Poteva essere il giorno più triste della mia vita”. I suoi cani stavano per ingerire wurstel imbottiti di chiodi

Michele Urbano

“Per favore amami, mia mamma non può prendersi cura di me”. La dolce storia di Lilo

Michele Urbano