Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Notizie

Il talento all’amicizia nei cani non si impara, è innato. Lo dice la scienza


Il talento all’amicizia nei cani non si impara, è innato. Lo dice la scienza, e in particolare uno studio pubblicato sulla rivista Current Biology. Lì si ipotizza infatti che la capacità del cane nell’interagire con l’uomo e comunicare con lui non sia frutto di apprendimento, ma caratteristica genetica.

Gli scienziati dell’Università dell’Arizona e della Canine Companions, un’organizzazione no-profit che addestra i cani d’accompagnamento per le persone con disabilità, guidati da Emily Bray della School of Anthropology presso l’Università dell’Arizona, ha studiato proprio le attitudini relazionali dei cani.

In particolare i ricercatori hanno investigato la capacità di 375 cuccioli di circa 8 settimane di rispondere in modo più o meno appropriato a determinate attività sociali. Gli esperti hanno coinvolto i cagnolini in quattro diversi compiti appositamente progettati. Così hanno individuato risposte comportamentali che non erano frutto di apprendimento. Il prossimo passo sarà identificare i geni specifici in cui risiede il talento alla relazione.

Le migliori tariffe per i nostri lettori. Risparmio Assicurato

Per tutti i lettori di Dog.it le migliori tariffe per viaggi vacanza o viaggi di affari

 

Leggi anche:

Al canile pretende cani e gatti per cibarsene. Dopo il ‘no’ sfascia l’auto alla responsabile

Monica Nocciolini

Chihuahua azzannato e ucciso da Pit bull, riconosciuto danno morale alla proprietaria

dogitpanel

Addio Gerry, cane soccorritore eroe della Croce Rossa modenese

Monica Nocciolini

Rinuncia di proprietà per Rino, cane di razza “Barbone Silver” da adottare. Rischia il canile affollato

aggiornamenti

L’antenato più vicino del cane? Un lupo sì, ma nano e orientale

Monica Nocciolini

Un cane si perde, il ritrovamento dà scacco a un giro di allevamenti illegali

Monica Nocciolini