Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Notizie

Il talento all’amicizia nei cani non si impara, è innato. Lo dice la scienza

Il talento all’amicizia nei cani non si impara, è innato. Lo dice la scienza, e in particolare uno studio pubblicato sulla rivista Current Biology. Lì si ipotizza infatti che la capacità del cane nell’interagire con l’uomo e comunicare con lui non sia frutto di apprendimento, ma caratteristica genetica.

Gli scienziati dell’Università dell’Arizona e della Canine Companions, un’organizzazione no-profit che addestra i cani d’accompagnamento per le persone con disabilità, guidati da Emily Bray della School of Anthropology presso l’Università dell’Arizona, ha studiato proprio le attitudini relazionali dei cani.

In particolare i ricercatori hanno investigato la capacità di 375 cuccioli di circa 8 settimane di rispondere in modo più o meno appropriato a determinate attività sociali. Gli esperti hanno coinvolto i cagnolini in quattro diversi compiti appositamente progettati. Così hanno individuato risposte comportamentali che non erano frutto di apprendimento. Il prossimo passo sarà identificare i geni specifici in cui risiede il talento alla relazione.

 

Ti è stata utile questa lettura?

 
Le opinioni dei nostri lettori sono importanti per noi. Se hai ritenuto interessante questa lettura, ti invitiamo a darci un voto semplicemente cliccando sulle stelle che seguono.
 
0 / 5 (0 voti)

Leggi anche:

Allevamenti dell’orrore, 270 cani salvati in una maxi operazione della polizia

Monica Nocciolini

Disabile solo senza il suo cane va nel panico e chiama i carabinieri

Monica Nocciolini

Cane nella cantina-prigione senza acqua né cibo. Due indagati

Monica Nocciolini

Il fiuto del cane per diagnosticare il coronavirus: ci provano i ricercatori inglesi

Monica Nocciolini

Lei lo lascia, lui le impicca il cane. Incastrato dalla videosorveglianza

Monica Nocciolini

Cuccioli neonati chiusi in una scatola di scarpe e buttati nella spazzatura

dogitpanel
error: © copyright dog.it