Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Storie

Legato ad un cavalcavia. La storia di un cagnolino deluso e abbandonato


Ha trovato solo sofferenza e maltrattamento nella sua vita e non una mamma o un papà che si prendessero cura di lui, ma qualcosa ora è cambiato.

Era legato ad una ringhiera di un cavalcavia questo povero cagnolino bianco. Sul suo corpo segni di malnutrizione evidenti e disidratazione, forse perché chi lo aveva con sé non lo ha mai curato a dovere e poi un bel giorno, ha deciso di disfarsene come si fa con un sacco di immondizia, ma un cane è un anima innocente e pura e non un oggetto da buttare quando non serve più.

Per fortuna dopo gli stenti e la delusione che questo cagnolino aveva negli occhi, un angelo è arrivato a salvarlo: si tratta di un ragazzo che fa il volontario ed è arrivato fin lì solo per salvarlo con il suo kit di pronto soccorso. All’arrivo del soccorritore, il cane sembra capire quello che l’umano era venuto a fare e con occhi colmi di amore e speranza si abbandona a lui, fidandosi ancora una volta.

Questa volta però viene finalmente salvato e adottato dando un lieto fine a questa triste storia e ricordandoci che i nostri amici pelosetti necessitano di amore e cure, per questo se vedi un cagnolino abbandonato è bene aiutarlo o segnalarlo a delle associazioni che si occupano di questo.

Le migliori tariffe per i nostri lettori. Risparmio Assicurato

Per tutti i lettori di Dog.it le migliori tariffe per viaggi vacanza o viaggi di affari

 

Leggi anche:

“Non mi muovo da qui”. Cagnolina attende per giorni il suo papà umano davanti all’ospedale

Michele Urbano

Tanto belli da sembrare piccoli orsetti. 5 cuccioli cercano casa 

Michele Urbano

Da sopprimere o da salvare? Il gattino sul crinale adottato dal veterinario

Monica Nocciolini

Oscar, morto per una crisi epilettica perché i veterinari non rispondono

aggiornamenti

Cagnolina molto incinta abbandonata quando sta per partorire. La triste storia di Maria 

Michele Urbano

La storia di Rocco, il cagnolino che diventa sordo e impara il linguaggio dei segni 

Michele Urbano