Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Storie

Abbandonano i cani in un dirupo per condannarli, ma la vita decide altrimenti


santevet

Abbandonano i cani in un dirupo per condannarli a morte certa, ma la vita decide altrimenti. E’ quanto accaduto ormai qualche anno fa, era il 2016, a quattro cuccioli di pastore maremmano lasciati in un crepaccio profondo circa 15 metri a Rocca di Cave, in località Colle Dolce in provincia di Roma.

I cani sarebbero sicuramente morti se non fossero stati avvistati da alcuni passanti. Proprio i cittadini hanno immediatamente dato l’allarme chiamando i carabinieri. Da soli i piccoli quattro zampe non sarebbero mai riusciti a risalire la china. Andavano recuperati e salvati. Sul posto sono arrivati i militari della stazione di Cave che, con l’aiuto dei volontari della protezione civile, hanno portato al sicuro i cuccioli.

I volontari si sono calati con una imbragatura nel dirupo e hanno sistemato i cani una cassetta che come un ascensore li ha portati in salvo. I cuccioli di pastore maremmano, che non avevano microchip, sono poi stati affidati al canile ‘Amici degli animali’ di Artena. Subito sono scattate le indagini per risalire agli autori del gesto.


Iscriviti alla Newsletter di Dog.it per restare sempre aggiornato sul mondo del cane: storie, appelli, richieste di adozione, nuovi prodotti pet e offerte riservate ai nostri lettori!

Leggi anche:

Daniel, cucciolo in pessime condizioni salvato da un allevamento insieme altri 294 cani

aggiornamenti

Susy e Paolino, due gnometti abbandonati sulla statale 106. Ora cercano casa

dogitpanel

Carica le foto del suo nuovo cane preso al rifugio della città, ma si ritrova la polizia alla porta per questo: il caso assurdo.

aggiornamenti

Il paziente più bravo del mondo: questo cane dal veterinario vi sorprenderà

aggiornamenti

Veterinario cura gratis tutti gli animali randagi che incontra per strada. Non c’è giorno che non ne salvi uno. 

dogitpanel

L’ex violento minaccia di ucciderla, il cane interviene per salvarla

Monica Nocciolini