Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Storie

“Dammi tempo e non farmi male. Così il nostro futuro insieme sarà bellissimo”. Commovente preghiera di un cane randagio

Adottare un cane randagio da un rifugio, sottraendolo a un anonimo box tra tanti. Tanti box a cui i volontari si dedicano con tanta generosità, sempre però con l’impressione di non far pari a colmare la sete d’amore di tanti cani. Accogliere in famiglia uno di quei cani è un atto d’amore bellissimo, che ripaga con un rapporto meraviglioso basato sulla gratitudine, la lealtà, la fedeltà e la devozione che ogni cane sa donare al suo umano del cuore.

Sì ma cosa pensa, un cane, quando si accorge che la sua vita sta per cambiare per sempre? Cosa gli passa nella testa e nel cuore quando varca la soglia del canile verso quello che per lui è l’ignoto? Questa splendida preghiera del cane randagio tenta di rispondere. E fa riflettere.

“Se tu avrai pazienza, io avrò fiducia”

Ti vedo euforico e non so perché
Non voglio offenderti ma io non ti conosco e non so cosa aspettarmi da te.
Mi porterai con la tua macchina? Ho paura, perché troppe volte le macchine stavano per investirmi.
A te non ti conosco… somigli molto a quelle persone che mi hanno colpito con un bastone!
Se mi darai del tempo, cercherò di aprirmi.
Non sarò bravissimo all’inizio, perché non so cosa vuoi da me.
Non mi lavare subito… il mio odore è l’unica certezza che ho.
Se aspetti qualche giorno, tutto sarà più semplice e potrai portarmi a a fare un bel bagnetto.
Non portarmi subito dal veterinario se non sto male. Prima mi devo fidare di te!
Non preoccuparti se non ho tanta fame… devo prima metabolizzare tutte le novità.
Non invitare amici e parenti a casa… a me fanno paura tutti gli sconosciuti adesso.
Preparami un angoletto tranquillo dove poter riposare e sentirmi al sicuro.
Non farmi vivere troppe cose nuove… ho bisogno di tempo.
So che mi vorresti coccolare… ma in canile stavo spesso da solo, in un angoletto.
Non sono ancora abituato alle carezze. Aspetta e mi abituerò.
Io non voglio farti dei dispetti. Se faccio qualcosa che non ti piace, sappi che semplicemente non sapevo che potevo farlo. Se rompo qualcosa è per farti capire di avere un disaggio.
Se non sai come aiutarmi chiedi aiuto a un professionista.
Non sgridarmi, non alzare la voce e non fare molti gesti. Nel mio passato ci sono cose bruttissime e il tuo comportamento potrebbero farle tornare nella mia mente.
Io voglio arrivare insieme a te nel tuo futuro ma adesso viviamo il presente, giorno per giorno.
Io sono un cane, un vero cane, con desideri e necessità.
Non compatirmi (nemmeno a te piace essere compatito) e non provare a cambiarmi.

Se avrai PAZIENZA con me, io avrò FIDUCIA in te e insieme la nostra vita sarà meravigliosa.

 

Ti è stata utile questa lettura?

 
Le opinioni dei nostri lettori sono importanti per noi. Se hai ritenuto interessante questa lettura, ti invitiamo a darci un voto semplicemente cliccando sulle stelle che seguono.
 
5 / 5 (4 voti)

Leggi anche:

“Sei donna, non puoi avere un cane”: e le ammazzano l’husky sotto gli occhi

Monica Nocciolini

Dopo due anni sconfigge il tumore: festa in clinica per il cane Claude

Monica Nocciolini

Proprietari in quarantena, il cane si sloga la coda per troppo scodinzolare

Monica Nocciolini

Nello e Patrasche, l’amore tra bimbo e cane scolpito nella pietra

Monica Nocciolini

“Odio i cani, perciò li avveleno. E’ un mio diritto”: choc sui social

Monica Nocciolini

Cani da caccia pensionati, una vita difficile… nuova occasione per Ultima, Giuggiola, Pigna e Caciotta

Monica Nocciolini