Dog.it | Portale dedicato al mondo del cane e ai dog lovers
Notizie

Per i cani randagi del Kosovo una mano dai militari italiani e Oipa

Mano tesa dei militari italiani e di Oipa verso i cani randagi del Kosovo. Dell’impegno da parte del Comando Regionale Ovest della Kosovo Force (Kfor). La forza militare internazionale guidata dalla Nato, dà notizia un comunicato Oipa, opera in sinergia con le istituzioni locali e con la stessa Oipa.

“I soldati italiani di base a Belo Polje, oltre a monitorare lo sviluppo socio-economico del Paese e aiutare a mantenere sicurezza e stabilità per la popolazione del Kosovo, hanno a cuore anche il grave problema del randagismo lì presente”, spiega Oipa.

I militari si sono resi conto di persona dei tanti cani e gatti randagi bisognosi di aiuto, sterilizzazioni, vaccinazioni nelle municipalità di Decane e Junik. Sono dunque entrati in contatto con le istituzioni attivando un programma di sostegno che coinvolge appunto Oipa, i veterinari locali e le organizzazioni agricole.

“In attesa di definire un piano duraturo – spiega il presidente Oipa Italia Massimo Comparotto – i militari italiani non sono rimasti con le mani in mano, ma hanno donato fondi a un consorzio di veterinari locali per incentivare le sterilizzazioni e le vaccinazioni dei randagi nelle due municipalità”. Già 30 i cagnolini che hanno ricevuto cure.

Leggi anche:

Tumore: il cane può sentirlo?

Giuseppina Russo

Cane massacrato di botte, finito con uno sparo in faccia e scaraventato giù da un burrone

Monica Nocciolini

Contributo per le adozioni dal canile scatena i timori degli animalisti

Monica Nocciolini

“Volpi disadattate, abbattiamole tutte”: lo dispone il sindaco di Nova Ponente

Monica Nocciolini

Allevamento per 61 cani, ne hanno trovati 859 e metà malati. Li salvano i carabinieri

Monica Nocciolini

Nord Corea choc: ordine di confiscare i cani da compagnia

Monica Nocciolini